Alaknanda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alaknanda
Bhagirathi and Alaknanda Confluence.jpg
Confluenza tra il Bhagirathi (a destra) e l'Alaknanda nei pressi di Dev Prayag, nello stato indiano dell'Uttarakhand.
StatoIndia India
Stati federatiUttarakhand
DivisioniGarhwal
DistrettiChamoli, Pauri Garhwal, Rudraprayag
Lunghezza190 km
Portata media439,36 m³/s
Bacino idrografico10 882 km²
Altitudine sorgente3 880 m s.l.m.
Altitudine foce475 m s.l.m.
NasceConfluenza del ghiacciaio Satopanth con il ghiacciaio Bhagirathi Kharak
30°08′N 78°36′E / 30.133333°N 78.6°E30.133333; 78.6Coordinate: 30°08′N 78°36′E / 30.133333°N 78.6°E30.133333; 78.6
SfociaGange

L’Alaknanda o Alakananda (in sanscrito: अळकनन्दा; in hindi: अलकनन्दा नदी) è un fiume dell'India settentrionale che scorre nello stato dell'Uttarakhand.

L'Alaknanda è una delle due sorgenti principali del Gange, il fiume sacro dell'Induismo, e dal punto di vista idrologico anche la più importante.[1] Tuttavia nella mitologia Indù e nella cultura tradizionale, la vera sorgente del Gange è considerata il fiume Bhagirathi, anche se quest'ultimo ha una portata inferiore.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

L'Alaknanda si origina alle pendici dell'Himalaya, alla confluenza del ghiacciaio Satopanth con il ghiacciaio Bhagirath Kharak, nello stato indiano dell'Uttarakhand.[2][3]

Le acque del fiume appaiono molto turbolente e torbide a causa del notevole trasporto di detriti e sedimenti. All'altezza del villaggio di Mana, a 21 km di distanza dal confine con il Tibet, riceve le acque del fiume Sarasvati. Tre chilometri più a valle, il fiume passa per il villaggio di Badrinathpuri, importante centro di pellegrinaggio per gli Indù.

Nei pressi di Dev Prayag si unisce alle acque del Bhagirathi e da quel momento il fiume risultante assume il nome di Gange.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Madan Gopal, India through the ages, a cura di K.S. Gautam, Publication Division, Ministry of Information and Broadcasting, Government of India, 1990, p. 65.
  2. ^ eUttaranchal, su euttaranchal.com.
  3. ^ In Hindu culture The Story of Ganga : The River Goddess, su omshivam.wordpress.com.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN315526512 · LCCN (ENsh87003159 · GND (DE4450550-4