Afonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il film del 1975, vedi Afonia (film).
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Afonia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 784.41
ICD-10 R49.1
MeSH D001044

L'afonia è un disturbo, temporaneo o permanente, caratterizzato dall'incapacità totale di produrre suoni con la voce. L'incapacità parziale è detto disfonia.

L'alterazione del linguaggio (non della produzione di suoni atti a costituire un discorso compiuto) è detta afasia.

I disturbi di pura articolazione dei suoni nel cavo rino-oro-faringeo vanno invece sotto il nome di disartria.

L'incapacità di combinare i suoni per emettere un discorso intelligibile è detta afemia. Il paziente con afemia emette borbottii, ma incontra insormontabili difficoltà a produrre suoni maggiormente definiti. Questa alterazione compare di regola in seguito a lesioni del lobo frontale dal lato dominante per il linguaggio; in tal caso la presenza di una lesione neurologica appare evidente in genere per la comparsa concomitante di una paralisi di un arto superiore.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Afonia deriva dal greco a- (privazione) fonia (suono, voce)

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Le cause legate all'afonia sono di due tipi:[1]

  • di natura non-organica, ossia psicologica;
  • collegata a disfunzioni delle corde vocali, oppure ad alterazioni della loro struttura.

Per quanto riguarda il secondo tipo, rientrano in quella definizione molte fattispecie, da traumi a presenze neoplastiche fino a malformazioni congenite. Si sono riscontrati molti casi di afonia anche in seguito a operazioni chirurgiche.[2]

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda il trattamento, è stata studiata l'importanza della terapia foniatrica, soprattutto nel primo giorno degli esercizi, dove nella maggioranza dei casi si vedono subito dei buoni risultati (che non solo in caso di afonie di tipo psichiatrico).[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antonio Quaranta, Fiorella Raffaella, Manuale di otorinolaringoiatria pag 277, Milano, McGraw-Hill, 1998, ISBN 88-386-2346-5.
  2. ^ Du JQ, Yang BQ, Liu JX., Diagnosis and treatment and prevention of iatrogenic functional aphonia, in Zhonghua Er Bi Yan Hou Tou Jing Wai Ke Za Zhi., settembre 2006.
  3. ^ Maniecka-Aleksandrowicz B, Domeracka-Kołodziej A, Rózak-Komorowska A, Szeptycka-Adamus A., Management and therapy in functional aphonia: analysis of 500 cases, in Otolaryngol Pol., vol. 60, 2006, pp. 191-197.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina