Adiós Nonino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Adiós Nonino
ArtistaAstor Piazzolla
Autore/iAstor Piazzolla
GenereMusica latina
Tango
Data1959

Adiós Nonino è una celebre composizione di Astor Piazzolla.

Venne composto nel 1959 quando Astor Piazzolla, che era in tournée nel centro America, il 13 ottobre ricevette la notizia della morte improvvisa del padre, don Vicente Piazzolla, familiarmente chiamato Nonino.

Per l'occasione riprese un pezzo che aveva scritto nel 1954 (del quale esiste una incisione dell'orchestra di José Basso, del 1962), conservandone la parte ritmica ma accentuandone e prolungandone la melodia in una sorta di lamento.

La prima registrazione venne effettuata a Montevideo nel 1960 dal quintetto di Piazzolla: lo stesso Piazzola al bandoneon, Jaime Gosis al pianoforte, Quicho Díaz al contrabbasso, Horacio Malvicino alla chitarra elettrica e Simón Bajour al violino.

A questa prima registrazione ne sono seguite numerosissime altre, con differenti interpretazioni da parte dell'autore (una delle quali contenuta nell'album Libertango, registrato in Italia nel 1974).

Memorabile è stata l'esecuzione di questo pezzo nel concerto tenutosi al Teatro Carré di Amsterdam nel marzo del 1989 da Osvaldo Pugliese e Astor Piazzolla contenuto nell'album Finally Together

Numerosi altri esecutori hanno realizzato nel corso degli anni versioni da loro interpretate[1].

Adiós Nonino (dall'album Libertango)[modifica | modifica wikitesto]

Musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Produzione a cura di Aldo Pagani

Registrato nel maggio 1974 allo studio "Mondial Sound", Milano (Italia)
Tecnico del suono: Tonino Paolillo

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Adiós Nonino, su Todotango, su todotango.com. URL consultato il 7 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2012).
  • [1][collegamento interrotto] Adios Nonino, Astor Piazzolla y su Quinteto Tango Nuevo (1984) en vivo en Utrecht, Holanda (VPRO-tv/Theo Uittenbogaard)