Adepto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Adepti)
Jump to navigation Jump to search

Il termine adepto (rara la variante adetto) trae origine dal latino adeptus, participio perfetto del verbo adipsci nel significato di "conseguire", ed è attestato nella lingua italiana dal 1739 attraverso il francese adepte.[1] Viene oggi utilizzato per indicare genericamente il seguace di un'ideologia, il discepolo di una dottrina (religiosa soprattutto, ma anche filosofica o politica), chi è entrato a far parte di una setta, associazione o comunità. In senso figurato, può essere usato come sinonimo di seguace, fedele, affiliato e simili.[2]

Più nello specifico, il suo significato si avvicina a quello di "iniziato"; infatti, richiamandosi all'accezione latina di adeptus ("conseguito"), designa colui che ha "raggiunto", "conseguito" qualche forma particolare di conoscenza, come ad esempio l'apprendimento esoterico nelle antiche religioni misteriche o nelle correnti filosofiche ad esse collegate. In epoca tardo-medievale, con "adepto" ci si riferiva in particolare a una persona introdotta negli arcani principi dell'alchimia e, più precisamente, nelle ricerche sulla pietra filosofale.[3] Il concetto, in questo senso, si è poi esteso a indicare chiunque sia a conoscenza di leggi e finalità, funzionamento e riti, di una società segreta di qualsivoglia natura (religiosa, filosofica o politica come già detto, ma anche economica, di arti marziali, terroristica o criminale).[4]

Nel mondo dell'esoterismo l'adepto è a un livello superiore di iniziazione, un "maestro di saggezza". Così, nel leggendario ordine segreto dei Rosacroce, sono chiamati adepti «coloro che hanno superato i nove gradi dei Misteri Minori e sono già alunni dei Misteri Maggiori».[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Devoto-Oli, Firenze, Le Monnier, 2011, versione 2.0.1, in "etimo" di "adepto".
  2. ^ Francesco Sabatini e Vittorio Coletti, Scheda sul vocabolo "adepto", in Il Sabatini Coletti - Dizionario della Lingua Italiana, Corriere della Sera, 2011, ISBN 88-09-21007-7.
  3. ^ Cfr. la voce "adepto" del Vocabolario on line della Treccani.
  4. ^ Cfr. la voce "adepto" del Grande dizionario italiano di Aldo Gabrielli sul sito della Hoepli.
  5. ^ Cfr. la voce "adepto" in Studi Rosacrociani Archiviato il 4 agosto 2014 in Internet Archive..

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]