Adagio e fuga per archi (Mozart)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adagio e fuga per archi
Compositore Wolfgang Amadeus Mozart
Tonalità Do minore
Numero d'opera KV 546
Epoca di composizione Vienna, 26 giugno 1788
Pubblicazione Hoffmeister, Vienna, 1788
Organico

L'Adagio e Fuga in Do minore K 546 è la versione per archi trascritta da W. A. Mozart nel giugno del 1788 della Fuga in Do minore per due fortepiani K 426.

È proprio in questa seconda versione che la composizione è oggi più conosciuta. In questa veste il compositore aggiunge un maestoso adagio iniziale che, nelle intenzioni di Mozart, doveva meglio sviluppare il potenziale contrappuntistico che andava perso o per lo meno risultava meno incisivo nella versione pianistica.

L'adagio iniziale apre la composizione con toni cupi e drammatici ed ha funzione di preludio. Il ritmo solenne richiama la grandiosità propria dello stile Händel. La fuga che segue senza soluzione di continuità è ancor più ricca di contrappunto; nulla tuttavia è accademico in questa costruzione di grande respiro, equilibrio e tensione che fa catalogare questo adagio tra i più belli che siano mai stati scritti.

La fuga di questa composizione, è utilizzata nell'episodio 32 dell'anime Death Note quando Mikami racconta in flashback la concezione che ha della giustizia.

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica