Acquedotto di Cantayo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cantayo
Cantalloc
Acueductos subterráneos de Cantalloc, Nazca, Perú, 2015-07-29, DD 11.JPG
Acquedotto di Cantayo
Localizzazione
StatoPerù Perù
ProvinciaNazca
Altitudine650 m s.l.m.
Mappa di localizzazione

Coordinate: 14°49′35.76″S 74°54′37.44″W / 14.8266°S 74.9104°W-14.8266; -74.9104

L’acquedotto di Cantalloc (o di Cantayo, nome ispanizzato) è un'opera di ingegneria idraulica eccezionale e molto più complessa delle linee di Nazca. Esso fa parte di un sistema di acquedotti dello stesso tipo (chiamati "puquios") costruiti dalla civiltà preincaica dei Nazca circa 1500 anni fa.

L'acquedotto assicurava l'approvvigionamento idrico alla città di Nazca e ai campi circostanti, permettendo la coltivazione di cotone, fagioli, patate, ecc. in una regione altrimenti arida.

Funzionamento[modifica | modifica wikitesto]

Struttura di un Qanat

Il modello di trasporto idrico è basato sul Qanat, originario dell'antica Persia e che fu in seguito utilizzato anche da varie culture sia sulla via della seta fino in Cina che nella penisola Iberica.

Le acque vengono prelevate direttamente dalle falde acquifere presenti nelle zone montagnose circostanti la pianura di Nazca. Per ovviare al clima desertico, estremamente caldo e secco, l'acqua viene convogliata in una condotta sotterranea che, oltre ad evitare l'evaporazione del prezioso liquido, raccoglie le acque che filtrano dal terreno, aumentandone così l'efficienza.

Metodo di costruzione[modifica | modifica wikitesto]

Un pozzo (puquio) dell'acquedotto di Cantayo

Dapprima venivano scavati dei pozzi distanti 20-50 m l'uno dall'altro, fino a trovare la falda acquifera. Questi pozzi, detti anche "ojos de agua" (occhi d'acqua), servivano sia come punti di accesso all'acqua, che da ispezione per manutenzione dell'acquedotto. Essi venivano collegati tramite una serie di condotte.

Nei pressi della città di Nazca la condotta dell'acquedotto di Cantalloc si trova a circa 4-5 metri di profondità; è possibile accedere alla condotta tramite i pozzi che sono costituiti da scivoli circolari e spiraleggianti che si inabissano nel terreno fino a raggiungere l'acqua.

L'acquedotto è tuttora funzionante e visitabile a pochi chilometri dalla città di Nazca.

Diatriba circa l'età[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono versioni contrastanti circa l'esatto periodo di costruzione degli acquedotti. Molti archeologi dicono che siano stati costruiti da architetti della civiltà Nazca attorno al 540 d.C. in risposta a due periodi di siccità prolungati in quei tempi.

Mancano comunque riferimenti storici dopo e prima della conquista spagnola. Il primo scritto storico riguardante la loro esistenza fu nel 1605 per opera di Reginaldo de Lizárraga, per cui alcuni contestano che essi possano essere stati costruiti dagli spagnoli[1], benché non vi siano prove di testi spagnoli che ne testimonino la costruzione.[2].

Relazione con le linee di Nazca[modifica | modifica wikitesto]

Un'altra diatriba riguardante i Puquios, è l'asserzione fatta da David Johnson il quale sostiene che le linee di Nazca descrivano mappe e puntatori alle falde acquifere sotterranee che alimentano il sistema dei Puquios.[3].

Altri puquios[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono circa una trentina di Puquios nella zona di Nazca, molti dei quali ancora oggi funzionanti[4] I più importanti sono: Ocaña, Matara, Uchulla, Tejeje, Bisambra, Aja, Curve, Llícuas, Soisonguito, Copara e la Achirana. I Puquios non sono mai stati completamente mappati[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ D. Proulx, Nasca Puquios and Aqueducts (PDF), su www-unix.oit.umass.edu, 1999, 7.
  2. ^ D. Proulx, Nasca Puquios and Aqueducts (PDF), su www-unix.oit.umass.edu, 1999, 8.
  3. ^ The Water Lines of Nazca, su rumbosonline.com.
  4. ^ D. Proulx, Nasca Puquios and Aqueducts (PDF), su www-unix.oit.umass.edu, 1999, 6.
  5. ^ Barnes M., Dating of Nazca aqueducts, 1992, p. 111.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M. Barnes, Dating of Nazca aqueducts, Nature, vol. 359, (1992).
  • D. Proulx, Nasca Puquios and Aqueducts, (1999).
  • D. Johnson, The Water Lines of Nazca

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Conquista spagnola delle Americhe Portale Conquista spagnola delle Americhe: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di conquista spagnola delle Americhe