Proscenio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il proscenio del Teatro Olimpico di Vicenza realizzato su disegno di Andrea Palladio (1584 circa)

Il proscenio è la parte del palcoscenico teatrale protesa verso la platea, leggermente a curva, è compresa fra l'arco scenico e la ribalta. Il termine entrò in uso nel XIX secolo per evitare il francesismo avanscena (avant-scène). Il bordo esterno del proscenio è occupato dalla ribalta elettrica che un tempo ospitava la buca del suggeritore.

Il proscenio è parte integrante dello spazio scenico, può ospitare la scenografia ed essere usato dagli attori durante la recita, mentre la ribalta non ha riferimento alcuno con essa, ma rappresenta il limitare del palcoscenico, prima del golfo mistico o della platea.

Possiamo trovare un proscenio nei primi teatri greci, dove questo veniva utilizzato dai cantori per raccontare la storia precedente agli eventi narrati e molto spesso le azioni principali si svolgevano proprio qui.

Ma per la prima volta il proscenio diviene parte della struttura narrativa di un'opera e quindi della vita teatrale stessa con la riforma teatrale di Carlo Goldoni.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Bruno Mello, Manuale di scenotecnica, Görlich - Istituto Geografico De Agostini Novara S.p.a, 1979
  • Lo Spettacolo - Enciclopedia di cinema, teatro, balletto, circo, TV, rivista, Aldo Garzanti Editore, Milano, 1ª edizione, 1976

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]