L'ispettore Gadget

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Inspector Gadget" rimanda qui. Se stai cercando l'omonimo film del 1999, vedi Inspector Gadget (film).
L'ispettore Gadget
serie TV cartone
L'ispettore Gadget
L'ispettore Gadget
Titolo orig. Inspector Gadget
Lingua orig. inglese
Paese Stati Uniti
Autori
Regia Bruno Bianchi
Soggetto Jean Chalopin
Studio
Musiche
1ª TV 19831985
Episodi 86 (completa) 2 stagioni
Durata 30 min
Durata ep. 30 min
Reti it. Rai 1, Italia 1, Canale 5, Rete 4, Jetix, Planet Kids
1ª TV it. 1985 (1ª edizione); 1993 (2ª edizione)
Episodi it. 86 (completa)
Durata ep. it. 22'
Cronologia
  1. L'ispettore Gadget
  2. Gadget e gadgettini

L'ispettore Gadget (Inspector Gadget) è una serie televisiva animata nata da una collaborazione francese-canadese-statunitense-giapponese, produzione del Tokyo Movie in Giappone, che ha come protagonista l'ispettore Gadget, una sorta di cyborg dotato dei più vari "gadget" tecnologici innestati nel suo corpo.

Il nemico principale di Gadget è il Boss Artiglio, capo di una organizzazione malavitosa chiamata MAD.

La prima serie de L'ispettore Gadget risale al 1983 ed è terminata nel 1986. In Italia la serie è stata trasmessa su Rai Uno, Italia 1 e Canale 5. Nel 1999 è uscito un film dedicato a questa figura per la regia di David Kellogg, con Matthew Broderick e Rupert Everett; è poi arrivato anche un sequel, uscito direttamente in VHS e DVD. Entrambi film sono i prequel della serie.

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

L'Ispettore Gadget è un maldestro detective cyborg. In quasi tutti i casi che gli vengono assegnati commette stupidi errori, scambia innocenti astanti per nemici e, viceversa, crede che persone per bene siano nemici. La sua inettitudine lo trascina spesso in pericolo, ma riesce sempre a cavarsela usando uno dei suoi affidabili gadget oppure con l'aiuto della nipotina Penny. Il personaggio ha una certa somiglianza al personaggio di Maxwell Smart, ma ha molto più in comune con l'Ispettore Clouseau della Pantera rosa.

Penny (Sophie nel doppiaggio Rai) è la preziosa nipote dell'ispettore. Gadget è il suo tutore e custode, anche se di solito pare che sia lei la custode di Gadget. Penny ha capelli biondi ed occhi verdi, veste quasi sempre una t-shirt rossa con una striscia colorata al centro ed un paio di pantaloni verdi con toppe bianche sulle ginocchia. Nonostante ciò che pensa lo zio, lei è la vera responsabile del fallimento dei malvagi piani del Boss Artiglio. Il suo strumento di lotta al crimine è un computer portatile high-tech, in grado di decifrare codici, sorvegliare edifici e prevalere su ogni sorta di macchina o dispositivo. Usando il suo computer, Penny riesce a sorvegliare tutto ciò che combina Gadget e – con l’aiuto del cane Bravo – aiutarlo ad evitare le numerose potenziali catastrofi da lui stesso causate.

Bravo (Finot nel doppiaggio Rai, Brain in quello americano) è il cane di Penny. Assiste la ragazzina nel tenere Gadget fuori dai guai. È un maestro nei travestimenti e si camuffa per controllare che l’ispettore non si metta in pericolo tentando di risolvere il caso. Anche se Gadget è a stretto contatto con Bravo durante tutto il tempo dell'indagine, non lo riconosce mai, scambiandolo invece ogni volta per uno degli scagnozzi del Boss Artiglio. Il collare del cane è accessoriato con un sistema di videocomunicazione retrattile, collegato ad un computer da polso che Penny porta per sorvegliare lo zio o per avvertire Bravo dell’ubicazione degli scagnozzi di Artiglio. Bravo sa parlare il linguaggio umano, anche se in una scontrosa voce “canina” (con un problema di pronuncia della lettera “r”), simile a quella di Astro dei Jetsons o di Scooby-Doo. A volte è perfino impossibile capire quello che Bravo sta dicendo. La razza è sconosciuta, anche se potrebbe trattarsi di un golden retriever.

Boss Artiglio (Dottor Gang nel doppiaggio Rai) è l'arcinemico della serie ed il capo dell’organizzazione criminale conosciuta come MAD. Parla con una voce profonda e minacciosa, inoltre la sua faccia e la maggior parte del suo corpo non vengono mai mostrati; è possibile vederne solo le braccia e le mani guantate mentre lavora al computer. Anche se è consapevole dell'inettitudine di Gadget, crede che l'ispettore sia il suo peggiore nemico e non capisce che in realtà sono Penny e Bravo che sventano i suoi piani. Nell'ultimo episodio Boss Artiglio scopre che è Penny a mandare in fumo i suoi piani, e decide di vendicarsi contro di lei e Gadget rapendo la bambina e Bravo, e catturando Gadget, affermando che lui è solo un povero sciocco e un inetto che non sa fare niente senza l'aiuto di Penny; ma sottovalutando questo aspetto Gadget con l'aiuto di Penny si libera e lo affronta in uno scontro senza esclusione di colpi, che si conclude con il suo arresto da parte di Gadget. Il suo animale domestico, che sta sempre al suo fianco, è un grasso gatto, chiamato Satanasso (Mad Gatto nel doppiaggio Rai). In alcuni episodi, il gatto tenta di fare qualcosa di semplice, ma non ci riesce mai, di solito perché Boss Artiglio colpisce la scrivania. Il gatto non ha voce, ma quando Artiglio ride, ride anche lui. Boss Artiglio ha molte caratteristiche in comune con Ernst Stavro Blofeld dei film di James Bond.

Il Commissario Quimby (Capo Gontier nel doppiaggio Rai) è il capo dell'ispettore Gadget. Appare all'inizio di ogni episodio per consegnare a Gadget la missione e solo per saltare in aria insieme al messaggio che si auto-distrugge a causa della dimenticanza dell'ispettore. Appare nuovamente alla fine dell'episodio per congratularsi con Gadget del buon lavoro svolto. Il personaggio è ripreso dal capo di Get Smart e dall'ispettore capo Dreyfus della Pantera Rosa, mentre il messaggio esplosivo è ispirato a Mission: Impossibile.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Gadget è un ispettore della polizia di Metro City. Le sue missioni lo portano spesso in luoghi strani ed esotici, senza dare spiegazione di come un crimine commesso dall’altra parte del globo possa interessare alla polizia di Metro City, facendolo perciò assomigliare di più ad un agente segreto. Anche se ci sono alcune rare eccezioni, ogni singolo episodio della prima stagione segue una trama standard con poche piccole variazioni.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi de L'ispettore Gadget.

I Gadget dell'Ispettore[modifica | modifica wikitesto]

« Di gadget ne ha perfino nel cappello
dal quale farà emergere un ombrello
o, se lo vorrà, un martellone così! »
(Sigla del cartone animato creata da Fininvest)

I gadget sono l'aspetto fondamentale del cartone, e nonostante siano il motivo caratterizzante dell'ispettore, non lo aiutano mai abbastanza da permettergli di risolvere il caso. Quando deve usare uno dei suoi gadget, l'ispettore dice “Hop-hop-gadget” ed il nome del gadget che vuole usare; comunque il gadget che appare non sempre è quello richiesto.

L'ispettore è dotato di un indefinito numero di gadget, collocati in tutto il corpo, anche se alcuni vengono usati più frequentemente.

Gadget più usati[modifica | modifica wikitesto]

  • Gadget binocolo: esce dal cappello e si posiziona davanti ai suoi occhi.
  • Gadget ombrello: una mano che tiene un ombrello esce dal cappello. Può essere usato come paracadute. Più spesso, l’ispettore cade rapidamente perché l’ombrello si capovolge.
  • Gadget martello: quando qualcuno si avvicina all'eroe, lo colpisce con un martello.
  • Gadget-cottero: un’elica che esce dal cappello e gli permette di volare.
  • Gadget manette: escono dal suo avambraccio proprio sopra la mano.
  • Gadget occhi: si muovono meccanicamente mentre legge, con un suono simile a quello di una macchina da scrivere.
  • Gadget mani: parecchie mani meccaniche possono uscire dal cappello dell’Ispettore. Possono avere in mano diversi oggetti, tra i quali una macchina fotografica, un ventilatore, un apriscatole ed altri oggetti utili, compreso il suo distintivo.
  • Gadget gambe/braccia/collo: sono telescopici, e possono allungarsi a dismisura.
  • Gadget impermeabile: è in grado di gonfiarsi come un pallone, utile ad esempio per attutire le cadute.

Gadget di Penny e Bravo[modifica | modifica wikitesto]

Così come l'ispettore, anche Penny e Bravo utilizzano alcuni gadget.

Il computer di Penny[modifica | modifica wikitesto]

Una macchina simile ad un moderno computer portatile, camuffato da libro, capace di introdursi e interfacciarsi con qualsiasi equipaggiamento elettronico ed anche con apparecchi non necessariamente elettronici, come le casseforti.

L'orologio di Penny[modifica | modifica wikitesto]

L’orologio da polso di Penny ha cinque funzioni:

  1. Per prima cosa è usato per comunicare con Bravo (in maniera simile ad un moderno videofonino).
  2. In molti episodi è usato per contattare il capo Quimby, anche se la risposta del capo non si sente mai.
  3. Può sparare un raggio laser in grado di tagliare una pesante porta di metallo oppure di forzarla per aprirla.
  4. Ha proprietà magnetiche (in un episodio, Penny calamita a sé le chiavi della cella in cui viene rinchiusa usando l’orologio).
  5. Sembra avere delle capacità simili a quelle del computer (anche se inferiori).

Il collare di Bravo[modifica | modifica wikitesto]

Il dispositivo che Bravo usa per comunicare con Penny è nascosto nel collare. Quando riceve una chiamata, le punte del collare si allungano attorno al cane, presumibilmente contengono telecamera, microfono ed altoparlante.

La Gadgetmobile[modifica | modifica wikitesto]

Simile al suo corpo, la macchina dell’Ispettore, chiamata Gadgetmobile (può trasformarsi in furgoncino o in un'auto molto simile alla Toyota Supra) è accessoriata con un apparentemente inesauribile arsenale di gadget. Ha tutte la caratteristiche che contraddistinguono le auto dei paladini della legge (come la Batmobile o la macchina di James Bond), tra cui una cortina fumogena, una sirena, gas esilarante, sedili eiettabili ed un artiglio frontale.

Oltre a tutti i gadget tipici, l’auto può trasformarsi ingrandendo le proprie ruote e diventare un altro veicolo, denominato Gadget-van, in movimento. È inoltre pressoché indistruttibile: in alcune occasioni è caduta da notevoli altezze oppure ha subito collisioni non indifferenti rimanendo completamente intatta.

MAD[modifica | modifica wikitesto]

L’obiettivo principale dell’organizzazione criminale MAD (sigla di cui non viene mai rivelato il significato) è commettere crimini, seminare il caos ed operare al di fuori del limiti della legge. Capeggiata dal misterioso Boss Artiglio, MAD sembra avere numerosi agenti al suo servizio, ma solo sei o sette di loro appaiono frequentemente e solo quelli ingaggiati dal mondo della malavita hanno un nome. MAD è ovviamente una parodia delle organizzazioni criminali con grandiosi schemi di conquista del mondo, simili a quelli dei film di James Bond.

Per essere un'organizzazione criminale, MAD sembra misteriosamente propensa all'autopromozione. Tutto ciò che è prodotto da MAD porta il logo, ogni agente porta vestiti con il logo dell'organizzazione e gira in camion con la scritta "MAD" sui lati. Nonostante tutto, l'Ispettore Gadget non riconosce mai il logo e le uniformi.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Il tema musicale del cartone è stato composto da Shuki Levy ed è ispirato alla melodia Nell'antro del Re della montagna nel Peer Gynt di Edvard Grieg.

Le versioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

In Italia esistono due diverse versioni del cartone animato: la più vecchia, doppiata dalla RAI, mantiene i nomi dell’edizione francese (ad esempio Penny e Bravo sono rispettivamente Sophie e Finot). La seconda, più recente, è doppiata da Fininvest dalla versione inglese. Il doppiaggio Mediaset viene impiegato anche nella trasmissione su Jetix.

Sigle italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • Nella prima trasmissione in RAI, veniva utilizzata una sigla il cui testo era una traduzione della sigla originale francese e che non venne mai commercializzata. Da anni, circola una leggenda metropolitana secondo la quale il cantante di tale sigla sarebbe stato un giovane Piero Chiambretti; tuttavia, non esiste alcuna conferma di questa affermazione.
  • La sigla utilizzata sulle trasmissioni Mediaset è L'ispettore Gadget, testo di Alessandra Valeri Manera e musica di Carmelo "Ninni" Carucci, interpretata da Cristina D'Avena.
  • Sulle trasmissioni sui canali di SKY (Jetix e FOX Kids) viene utilizzata la sigla internazionale della serie (un brano strumentale).

Doppiaggio italiano[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

animazione Portale Animazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di animazione