Guinzaglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cane al guinzaglio

Il guinzaglio è una corda o materiale simile da legare intorno al collo, alla testa o alla vita di un animale, con lo scopo di tenerlo sotto controllo.

Tipi di guinzaglio[modifica | modifica wikitesto]

Per i cani i guinzagli, obbligatori per legge in tutti i luoghi accessibili al pubblico, possono assumere varie forme, ad esempio:

  • Una semplice catena di metallo
  • Guinzaglio con manico di pelle, per tenere meglio l'animale
  • Guinzaglio allungabile o retrattile, che consente al cane di allontanarsi generalmente per 3 o 4 metri al massimo, ma senza lasciarlo scappare
  • Guinzaglio da legare intorno alla vita, senza usare il collarino

Leggi sui guinzagli[modifica | modifica wikitesto]

Cartello che obbliga a portare i cani al guinzaglio

In Italia, con l'ordinanza [1] del 3 marzo 2009, il sottosegretario alla Salute Francesca Martini, ha introdotto per la prima volta l’obbligo di utilizzare sempre il guinzaglio ad una misura non superiore a mt. 1,50 per i cani condotti nelle aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico - fatte salve le aree per cani individuate dai comuni - e di avere sempre con sé la museruola (rigida o morbida) da applicare in caso di potenziale pericolo, nonché l’obbligo di affidare il proprio animale solo a persone in grado di gestirlo. Il proprietario e il detentore devono, inoltre, assumere informazioni sulle caratteristiche fisiche ed etologiche dei cani e sulle normative in vigore.

Il 22 marzo 2011 con una ulteriore ordinanza,[2] viene prolungato l'obbligo di utilizzo del guinzaglio per tutte le razze di cani sancito già con la precedente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione dei cani. (G.U. Serie Generale n. 68 del 23 marzo 2009)
  2. ^ Differimento del termine di efficacia e modificazioni, dell'ordinanza del Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali 3 marzo 2009, concernente la tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione dei cani. (11A06125) (G.U. Serie Generale n. 110 del 13 maggio 2011)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

cani Portale Cani: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cani