Giovanna d'Inghilterra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Re d'Inghilterra
Duchi di Normandia
Plantageneti

Arms of Geoffrey of Anjou.svg

Enrico II (1154–1189)
Figli
Riccardo I (1189–1199)
Giovanni (1199–1216)
Figli
Enrico III (1216–1272)
Figli
Edoardo I (1272–1307)
Figli
Edoardo II (1307-1327)
Figli
Edoardo III (1327-1377)
Figli
Riccardo II (1377-1400)

Giovanna d'Inghilterra (Angers, ottobre 1165[1]Rouen, 24 settembre 1199[2]) fu regina consorte di Sicilia, dal 1177 al 1189, e poi contessa consorte di Tolosa e Marchesa consorte di Provenza, dal 1196 alla sua morte.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Sia secondo Matteo di Parigi, che secondo la Chronique de Robert de Torigny, Tome I, era la la settima figlia del re d'Inghilterra Enrico II Plantageneto (1133-1189) e di Eleonora, duchessa d'Aquitania[3][1](1122-1204), che come risulta dalla Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, era la figlia primogenita del duca di Aquitania, Guglielmo X il Tolosano[4], appartenente alla dinastia dei Ramnulfidi e di Aénor di Châtellerault, figlia del visconte Americo I di Châtellerault e della Maubergeon, l'amante di suo nonno, il duca di Aquitania, Guglielmo IX il Trovatore. Eleonora d'Aquitania, era stata sposata col re di Francia, Luigi VI, a cui aveva dato due figlie[4].
Enrico II Plantageneto, secondo la Historia rerum in partibus transmarinis gestarum, dell'arcivescovo di Tiro, Guglielmo, era il figlio primogenito di Goffredo il Bello o Plantageneto (1113-1151), conte di Angiò e del Maine e futuro duca di Normandia, e dell'erede al trono d'Inghilterra e al ducato di Normandia, Matilde d'Inghilterra[5] (1102-1167), detta "l'imperatrice Matilde", in quanto era stata la moglie dell'imperatore del Sacro Romano Impero, Enrico V[5].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La nascita di Giovanna (Alienor regina peperit filiam quam vocavit Johannam) viene citata anche dalla Historiæ Anglicanæ Scriptores X[6], nel 1165. Nata ad Angers[1], nell'Angiò, crebbe alle corti di sua madre a Winchester e Poitiers.

Nel 1176 il re di Sicilia Guglielmo II il Buono, figlio di Guglielmo I il Malo e di Margherita di Navarra[7], la chiese in moglie ed il 27 agosto Giovanna si mise in viaggio accompagnata dal vescovo di Norwich e dallo zio, figlio naturale di Goffredo V il Bello, Hamelin di Warenne, quinto conte del Surrey. A Sant' Egidio, dove la flotta capitanata dall' Ammiraglio Gualtieri II de Mohac (di Modica) fece tappa, incontrarono i rappresentanti del Regno di Sicilia (come ci viene confermato dal cronista della storia inglese, il monaco benedettino inglese, Matteo di Parigi, nel suo Chronica Majora[8]): l'arcivescovo di Capua, Alfano, ed il vescovo di Siracusa, Richard Palmer. Arrivarono finalmente in Sicilia dopo un viaggio avventuroso ed il 10 febbraio 1177, secondo il documento I 52 riportato nel Fœdera, Conventiones, Litteræ, fu redatto il contratto di matrimonio[9] e subito dopo Giovanna sposò Guglielmo come viene ricordato dal Florentii Wigorniensis Monachi Chronicon, Tomus II[10], dal Continuatore di Guglielmo di Tiro[11] e dalla Historiæ Anglicanæ Scriptores X[12]. Giovanna venne incoronata regina di Sicilia, nella Cattedrale di Palermo il 13 febbraio 1177[13].

Nel 1189 re Guglielmo morì, senza discendenti; infatti secondo Matteo di Parigi, nel suo Chronica Majoraci riporta del matrimonio tra Giovanna e Guglielmo, precisando che non lasciarono figli[14].
Giovanna fu confinata nell'"harem" che era stato di Guglielmo II nel castello della Zisa.

Nel 1190 giunse in Sicilia, sulla via per la Terra Santa (secondo lo storico britannico, Steven Runciman, raggiunse a Messina, via terra, in quanto i trasferimenti via mare gli procuravano sofferenza[15]) il fratello di Giovanna, il re d'Inghilterra Riccardo Cuor di Leone, che chiese al nuovo re di Sicilia, Tancredi, la liberazione della sorella ed una somma che spettava alla vedova. Tancredi liberò Giovanna, le permise di raggiungere il fratello a Messina ma le diede solo una parte della somma che le spettava; allora Riccardo, adirato occupò Messina e fece costruire una torre di legno che fu detto Mata Grifone (Ammazza greci). Tancredi si presentò con le sue truppe ma preferì l'accordo, consegnò a Giovanna altre 20.000 once d'oro, e, in cambio dell'alleanza[16] di Riccardo, lo indennizzò con altrettante 20.000 once d'oro[17].

Nel marzo 1191 giunsero in Sicilia anche Eleonora d'Aquitania, che rientrò in Inghilterra quasi subito, e Berengaria di Navarra (promessa sposa di Riccardo), che si prese cura di Giovanna[18]. Mentre Eleonora era tornata in Francia, Giovanna e Berengaria sii imbarcarono per la Terra Santa, ma una tempesta divise le navi: mentre Riccardo riparava a Creta, i marosi spinsero Giovanna e Berengaria verso Cipro, dove furono catturate dal despota Isacco Comneno[18]. Secondo il Continuatore di Guglielmo di Tiro, nel libro XXVIII del Recueil des historiens des croisades. Historiens occidentaux Riccardo, dopo aver catturato Isacco ed averlo relegato in una segreta, liberò la sorella e la fidanzata e fece prigioniera la figlia di Isacco, definita la fille de l'empereor de Chypre[19] e insieme raggiunsero Acri[19].
Secondo il Recueil des historiens des croisades vol. I, dopo la distruzione di Ascalona, furono avviate trattative di pace tra Riccardo ed il Saladino che portarono ad ipotizzare un matrimonio tra Giovanna e Al-Adil, fratello del Saladino che insieme avrebbero governato Gerusalemme ma la proposta non andò in porto perché le alte cariche religiose, richiedevano una conversione al cristianesimo di Al-Adil[20].
Si era parlato di nozze anche col re di Francia Filippo II (probabilmente non andate in porto perché la madre di Giovanna era stata sposata al padre di Filippo, Luigi VII).

Il 29 settembre 1191, dopo aver vissuto alcuni mesi a SanGiovanni d'Acri, Giovanna, con la cognata Berengaria (aveva sposato Riccardo a Limassol), si imbarcò per tornare in Francia[21], mentre Riccardo partì circa un anno dopo, via terra.

Nel 1196, portando in dote le contee di Quercy ed Agenais, Giovanna, secondo Matteo di Parigi, nel suo Chronica Majora, sposò il conte di Tolosa, duca di Narbona e marchese di Provenza, Raimondo VI[14] (1156-1222), figlio primogenito del conte di Tolosa, marchese di Provenza e duca di Narbona, Raimondo V e di Costanza di Francia (come risulta dalla Chronica Albrici Monachi Trium Fontium,[22] e dalla Histoire Générale de Languedoc, avec des Notes, Tome IV[23]). Raimondo VI era al suo quarto matrimonio e con questo matrimonio suggellò un'alleanza tra la contea di Tolosa e il ducato d'Aquitania, ponendo così fine alle difficili relazioni tra la contea di Tolosa e Riccardo I Cuor di Leone[24], che, dal 1189, era re d'Inghilterra, duca di Normandia, conte del Maine, d'Angiò e di Turenna, duca d'Aquitania e Guascogna e conte di Poitiers, in quanto Giovanna era la sorella prediletta di Riccardo I Cuor di Leone[24]. La promessa di matrimonio del 1196, tra Giovanna (soror regis Ricardi Johanna quæ et regina exstiterat Siciliæ) e Raimondo (comiti Sancti Ægidii) viene riportato nel Radulphi de Coggeshall Chronicon Anglicanum[25] e nel Annales de Margan tra (Johanna relicta Willelmi regis Apulia) e (comiti Sancti Egidii)[26]; mentre il matrimonio, sempre nel 1196, è ricordato dagli Annales de Burton[27].

Non fu trattata molto bene da suo marito; temeva lui ed i suoi cavalieri. Nel 1199, mentre era incinta del suo terzo figlio, fu lasciata sola a fronteggiare la ribellione dei signori di Saint-Félix-Lauregais, si rifugiò al castello di Cassès, ma temendo un tradimento cercò rifugio nelle terre di suo fratello Riccardo; arrivò a Chalus e lo trovò morto. Allora si rifugiò a Rouen, alla corte di sua madre.
Secondo la Histoire Générale de Languedoc, Tome VI, Preuves, Giovanna morì a Rouen il 24 settembre 1199[28]. dato il suo stato di gravidanza avanzato, dopo la sua morte, le fu aperto il ventre e fu estratto un maschio che visse solo poche ore[28] e che fu battezzato col nome di Riccardo. Secondo la Chronica, Magistri Rogeri de Houedene, che conferma la morte in Normandia, il corpo di Giovanna fu trasferito e sepolto nell'Abbazia di Fontevrault[29]. Secondo la Chronique de Maître Guillaume de Puylaurens sur la guerre des Albigeois(1202-1272), Giovanna fu deposta accanto al fratello Riccardo Cuor di Leone ai piedi del loro padre, Enrico II, accanto al quale fu poi sepolta, la loro madre, Eleonora d'Aquitania[20].

Figli[modifica | modifica wikitesto]

Giovanna a Guglielmo diede un figlio[13]:

  • Boemondo (1182- morto giovane), che secondo la Chronique de Robert de Torigny, Tome II, era stato investito del ducato di Puglia[30].

Giovanna diede a Raimondo tre figli:

  • Raimondo (1197-1249), secondo gli Annales de Burton, era il primogenito[27]; divenne conte di Tolosa e marchese di Provenza
  • Giovanna (1198-28 maggio 1255), come risulta dallo Extrait de l'ancien obitouiaire de l'abbaye de la Vaissy en Auvergne, in cui viene riportata la data della morte di Giovanna, ricordando che era figlia di Raimondo VI e Giovanna d'Inghilterra ed era la moglie di Bernard [II] Seigneur de la Tour[31]
  • un figlio maschio (1199), che morì poco dopo la nascita, subito dopo essere stato battezzato[28], sembra col nome di Riccardo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (LA) Chronique de Robert de Torigny, Tome I, pag. 357
  2. ^ (FR) Histoire Générale de Languedoc, Tome VI, Preuves, pag. 190
  3. ^ (LA) Chronica Majora, tomus II, anno 1165, pag. 233
  4. ^ a b (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus XXIII, Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, anno 1152, pag. 841
  5. ^ a b (LA) Historia rerum in partibus transmarinis gestarum, liber XIV, cap. I
  6. ^ (LA) Historiæ Anglicanæ Scriptores X, colonna. 512
  7. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus XIX, Romoaldi Annales, anno 1158, pag. 429
  8. ^ (LA) Chronica Majora, tomus II, anno 1176, pag. 298
  9. ^ (LA) Fœdera, Conventiones, Litteræ, tomus I, pars I, anno 1177, pag. 17
  10. ^ (LA) Florentii Wigorniensis Monachi Chronicon, Tomus II, Continuatio, pag. 154
  11. ^ (FR) Historia Rerum in partibus transmarinis gestarum, Continuator, libro XXIV, capitolo V, pagina 112
  12. ^ (LA) Historiæ Anglicanæ Scriptores X, colonna. 515
  13. ^ a b (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy : Re di Sicilia - JOAN of England
  14. ^ a b (LA) Chronica Majora, tomus III, anno 1235, pag. 326
  15. ^ (EN) A History of the Croisades, vol. III, pag. 37
  16. ^ L'alleanza era contro Enrico, il marito di Costanza d'Altavilla zia ed erede di Guglielmo II il Buono. Inoltre era previsto il matrimonio tra una delle figlie di Tancredi di Sicilia e il nipote di Riccardo Cuor di Leone, Arturo I di Bretagna.
  17. ^ (EN) A History of the Croisades, vol. III, pagg. 38 - 40
  18. ^ a b (EN) A History of the Croisades, vol. III, pagg. 40 - 42
  19. ^ a b (FR) Historia Rerum in partibus transmarinis gestarum, Continuator, libro XXVIII, capitolo V, pagina 256
  20. ^ a b (FR) Recueil des historiens des croisades vol. I, pag. 64
  21. ^ (EN) A History of the Croisades, vol. III, pag. 79
  22. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus XXIII, Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, anno 1162, pag. 846
  23. ^ (FR) Histoire Générale de Languedoc, avec des Notes, Tome IV, cap- XII, par. VI, pag. 329
  24. ^ a b Frederik Maurice Powike, I regni di Filippo Augusto e Luigi VIII di Francia, pag. 800
  25. ^ (LA) Radulphi de Coggeshall Chronicon Anglicanum, pag. 70
  26. ^ (LA) Annales Monastici Vol. I, Annales de Margan, pag. 23
  27. ^ a b (LA) Annales Monastici Vol. I, Annales de Burton, pag. 192
  28. ^ a b c (FR) Histoire Générale de Languedoc, Tome VI, Preuves, pag. 190
  29. ^ (LA) Chronica, Magistri Rogeri de Houedene, vol. IV, pag. 96
  30. ^ (LA) Chronique de Robert de Torigny, Tome II, pag. 115
  31. ^ (LA) Histoire généalogique de la maison d´Auvergne, Tome II, Extrait de l'ancien obitouiaire de l'abbaye de la Vaissy en Auvergne, pag. 499

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Regina consorte di Sicilia Successore Blason sicile famille Hauteville.svg
Margherita di Navarra 13 febbraio 1177 - novembre 1189 Sibilla di Medania
Predecessore Contessa consorte di Tolosa e Marchesa consorte di Provenza Successore Armoiries Languedoc.png
Borgogna di Lusignano 1196-1199 la Donzella o Signorina di Cipro

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]