Frammento dell'Itala di Quedlinburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scene dal capitolo 15 del Primo libro di Samuele, dal frammento dell'Itala di Quedlinburg: Saul con Samuele

Il Frammento dell'Itala di Quedlinburg (Berlin, Staatsbibliothek Preussischer Kulturbesitz, Cod. theol. lat. fol. 485) è un frammento composto da sei folii di un grande manoscritto miniato del V secolo contenente una traduzione della Bibbia del tipo Vetus latina. Si tratta del più antico manoscritto biblico miniato conservatosi.

I frammenti furono trovati nella rilegatura di alcuni libri conservati nella città di Quedlinburg. Le illustrazioni sono raggruppate in miniature incorniciate che occupano una pagina intera. Ciascuno pagina miniata contiene da due a cinque miniature, col testo corrispondente contenuto in pagine separate. Le illustrazioni, sebbene molto danneggiate, sono riconducibile allo stile illusionistico dell'arte tardoantica. Il frammento contiene un'illustrazione a tutta pagina degli episodi riguardanti il Primo libro di Samuele 15.[1]

Gran parte della superficie pittorica è andata perduta, rivelando lo scritto inferiore che fornisce istruzioni all'artista che eseguì le miniature. «Fai la tomba [al fianco della quale] Saulo e il suo servo stanno in piedi e due uomini, che saltano oltre dei fossi, gli parlano e [annunciano che gli asini sono stati trovati]. Fai Saulo vicino ad un albero e il servo [e tre uomini che parlano] a lui, uno che porta tre capri, uno [tre pagnotte, uno] una fiasca di vino».

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • H. Degering - A Boeckler, Die Quedlinburger Italafragmente, Berlin, 1932.
  • Calkins, Robert G. Illuminated Books of the Middle Ages. Ithaca, New York: Cornell University Press, 1983.
  • Lowden, John: Early Christian and Byzantine Art, Phaidon, 57-59 pp.
  • Levin, Inabelle. The Quedlinburg Itala: The oldest Illustrated Biblical Manuscript. Leiden: E.J. Brill, 1985.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ * Kurt Weitzmann, "La decorazione libraria del quarto secolo", in "Uomini, libri e immagini (a cura di L. Speciale)", Liguori 2000, p. 27.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]