Auto ibrida elettrica plug-in

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Chevrolet Volt è una auto ibrida plug-in disponibile negli Stati Uniti dal dicembre 2010

L'Auto ibrida elettrica plug-in (in sigla PHEV: plug-in hybrid electric vehicle) è un tipo di auto a propulsione ibrida le cui batterie possono essere caricate anche senza l'ausilio del motore a combustione interna, utilizzando una fonte di energia elettrica esterna[1] collegata attraverso sistemi a cavo o wireless.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Tale autovettura condivide le caratteristiche delle soluzioni ibride tradizionali e la medesima tecnologia è generalmente impiegata in veicoli commerciali, camion, scuolabus, moto, scooter e veicoli militari.

I veicoli PHEV possono essere sia della tipologia serie che parallela, differendo dagli HEV (Hibrid Electric Vehicles) per la presenza del caricabatterie che, attraverso l'ausilio del BMS (Battery Managment System), provvede alla corretta ricarica della batteria.

La diffusione di tale tipo di veicoli non ha peraltro registrato successi di mercato significativi rispetto a quelli della tradizionale auto elettrica[2].

Emissioni[modifica | modifica wikitesto]

La eventuale riduzione delle emissioni inquinanti rispetto alla propulsione termica dipende, come nel caso dei veicoli elettrici puri, da come è stata generata l'energia elettrica utilizzata per la ricarica (per mezzo di fonti fossili o attraverso energie rinnovabili).

Modelli commerciali[modifica | modifica wikitesto]

Fra i numerosi esempi di auto ibride dotate di tecnologia plug-in si registrano:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Come funzionano le auto ibride e le novità in arrivo, in TrendMotori.com. URL consultato nel settembre 2013.
  2. ^ Davide Comunello, Mercato USA - Le elettriche sorpassano le ibride plug-in, in Quattroruote Eco News, 18 luglio 2013. URL visitato nel settembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]