Athame

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una versione di athame, con lama in acciaio e manico in legno di quercia. Il simbolo della tripla luna è in argento.

L'athame (o athamé) è un particolare pugnale utilizzato nei rituali neopagani, soprattutto nella wicca. In alcune tradizioni si tratta di un coltello a lama doppia con una corta impugnatura (solitamente nera perché il nero è l'essenza del colore piuttosto che un colore in se, il nero è in grado di assorbire le energie negative per elaborarle, privarle del loro potere e dissolverle quindi innocue nell'universo). Altre tradizioni richiedono che la lama sia senza filo, curva o presenti altre caratteristiche particolari.

L'athame è utilizzato solo per scopi rituali, per dirigere i flussi di energia; se è necessario tagliare fisicamente qualcosa (come erbe che vengono raccolte per i filtri, corde, etc.) si usa un altro coltello: il boline (anche se alcune tradizioni incoraggiano l'uso dell'athame a scopi pratici, per acquisire familiarità con esso). L'athame invoca l'energia e la allontana, controlla le entità e le forze invisibili, tiene a bada gli spiriti negativi impedendo loro di distruggere un incantesimo e attirando ed invitando le entità che possiedono vibrazioni positive.

Molte tradizioni associano l'athame col principio maschile o con l'elemento aria, anche se l'associazione col fuoco non è rara.

Rituale di consacrazione[modifica | modifica sorgente]

Secondo un rituale di consacrazione, la lama deve essere riscaldata ad alta temperatura prima di essere consacrata nel rituale, l'athame non deve mai essere usato per incidere la carne od estrarre sangue e se succederà lo strumento perderà valore e bisognerà eliminarlo non facendolo usare da nessuno. Va maneggiato con molta cura e mai mostrarlo in pubblico. Si deve tenere celato nell'oscurità e trattato con il rispetto e la cura che merita un oggetto rituale. La consacrazione dell'athame avviene in luna calante ed è piuttosto complesso. Al termine del rituale l'athame deve essere sotterrato nel terreno per settantadue ore al termine delle quali si dissotterra dalla terra e ripulito meticolosamente con acqua e sapone. Una volta terminate tutte le operazioni, va riposto nel suo fodero nell'attesa di essere usato.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Neopaganesimo Portale Neopaganesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Neopaganesimo