XX (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
XX
Artista Mushroomhead
Tipo album Studio
Pubblicazione 4 dicembre 2001
Durata 69 min : 22 s
Dischi 1
Tracce 18
Genere Alternative metal
Industrial metal
Avant-garde metal
Etichetta Universal Records, Eclipse Records, Filthy Hands
Produttore Mushroomhead, Steve Felton
Registrazione 2001
Formati CD, MC, download digitale
Mushroomhead - cronologia
Album precedente
(1999)
Album successivo
(2003)

XX è un album del gruppo musicale Mushroomhead pubblicato nel 2001 da Eclipse Records.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

XX è il primo album dei Mushroomhead a essere registrato in studio. Originariamente pubblicato come una compilation della Eclipse Records, XX è stato interamente registrato e pubblicato nuovamente su etichetta Universal nello stesso anno. XX contiene brani dai tre album Mushroomhead, Superbuick, e M3. Dopo essere stato rimasterizzato, viene ridistribuito dalla Universal Records alla fine del 2001.

Sebbene venga considerato dai critici una raccolta, in realtà si tratta di un album vero e proprio. La ridistribuzione di XX da parte della Universal ha portato i Mushroomhead ad avere un buon successo commerciale, sia a livello nazionale che internazionale. L'album ha venduto circa 300,000 copie[1].

La copertina dell'album presenta una foto virata seppia dei Mushroomhead con le loro maschere e costumi originali, quando non avevano ancora cambiato il design delle stesse. Su ognuna c'è il simbolo del gruppo, l'"X Face", tranne per Popson, che non ne indossava nessuna e aveva il volto semplicemente truccato.

La pubblicazione da parte della Universal Records ha contribuito a introdurre a livello nazionale e internazionale il gruppo, mentre in precedenza erano noti soprattutto su scala regionale[non chiaro].

L'album, che ha venduto oltre 300.000 copie, è anche disponibile in una e-mail libero-away[non chiaro] offerta per chi ha collocato uno banner promozionale dei Mushroomhead sul proprio sito web. L'album (insieme con Savior Sorrow) è disponibile per l'acquisto sul sito web ufficiale del gruppo.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Versione Eclipse Records
  1. Before I Die – 3:14
  2. Bwomp – 6:24
  3. Solitaire Unraveling – 4:37
  4. These Filthy Hands – 5:23
  5. Never Let It Go – 4:42
  6. Xeroxed – 2:53
  7. The Wrist – 5:09
  8. Chancre Sore – 2:35
  9. The New Cult King – 5:12
  10. Born of Desire – 4:01
  11. 43 – 5:02
  12. Epiphany – 2:56
  13. Episode 29 - 1:36
  14. Bwomp (Extended version) – 14:51
Tracce bonus (edizione britannica)
  1. Fear Held Dear (live) - 2:24
  2. The Wrist (live) - 5:32
Versione Universal Records
  1. Before I Die (Steve Felton, Jeff Hatrix, Tom Schmitz, John Sekula, Jason Popson, Jack Kilcoyne) – 3:13
  2. Bwomp (S. Felton, Hatrix, Schmitz, Sekula, Popson, Jack Kilcoyne) – 6:26
  3. Solitaire Unraveling (S. Felton, Hatrix, Schmitz, Sekula, Popson, Jack Kilcoyne) – 4:27
  4. These Filthy Hands (S. Felton, Hatrix, Schmitz, Popson, Jack Kilcoyne) – 5:23
  5. Never Let It Go (S. Felton, Hatrix, Schmitz, Sekula, Popson, Joe Kilcoyne) – 4:41
  6. Xeroxed (S. Felton, Popson) – 2:57
  7. The Wrist (S. Felton, Hatrix, Schmitz, Sekula, Popson, Jack Kilcoyne) – 5:09
  8. Chancre Sore (S. Felton, Schmitz, Popson, Jack Kilcoyne) – 2:36
  9. The New Cult King (S. Felton, Hatrix, Schmitz, Popson, Jack Kilcoyne) – 5:10
  10. Empty Spaces (Roger Waters) – 1:51
  11. Born of Desire (S. Felton, Hatrix, Schmitz, Sekula, Popson, Jack Kilcoyne) – 4:01
  12. 43 (S. Felton, Hatrix, Schmitz, Sekula) – 4:32
  13. Fear Held Dear (S. Felton, Hatrix, Schmitz, Popson, Joe Kilcoyne) – 2:18
  14. Too Much Nothing (S. Felton, Hatrix, Schmitz, Popson, Sekula, Joe Kilcoyne) – 3:10
  15. Episode 29 (S. Felton, Dave Felton) – 1:36
  16. Bwomp (Extended version) (S. Felton, Hatrix, Schmitz, Sekula, Popson, Jack Kilcoyne) – 9:58

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mushroomhead, su tartareandesire.com.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Heavy metal Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal