Villa Giusti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Villa Giusti (Padova))
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la villa di Firenze, vedi Villa Giusti (Firenze).
Villa Giusti
Paolo Monti - Servizio fotografico (Padova, 1967) - BEIC 6342688.jpg
Villa Giusti in una foto di Paolo Monti del 1967. Fondo Paolo Monti, BEIC
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto Veneto
Località Mandria di Padova
Indirizzo via Armistizio 277/A
Coordinate 45°22′14.5″N 11°50′32.72″E / 45.370694°N 11.842423°E45.370694; 11.842423Coordinate: 45°22′14.5″N 11°50′32.72″E / 45.370694°N 11.842423°E45.370694; 11.842423
Informazioni
Condizioni in uso
Costruzione XVIII - XIX secolo
Uso abitazione saltuaria (villa), sede associazioni e uffici (annessi), archivio (torre colombara), deposito (serra)
Realizzazione
Proprietario famiglia Lanfranchi
Proprietario storico famiglie Capodilista, Giusti del Giardino

Villa Giusti è una villa veneta di Padova, situata in località Mandria.

È assai nota in quanto, il 3 novembre 1918, le autorità militari italiane e austriache vi firmarono l'armistizio che pose fine alla prima guerra mondiale, concluso dopo alcuni giorni di negoziati svolti nella limitrofa villa Molin[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Si ritiene che villa Giusti fosse in origine una fattoria annessa alla già citata villa Molin e come questa appartenne alla nobile famiglia Capodilista. Fu convertita in residenza (o prima, forse, in foresteria) nel corso del Settecento. Ben più antica è la torre colombaia, originaria del Trecento[1].

Villa Giusti in una foto di inizio XX secolo

Completamente restaurata nel XIX secolo, nei giorni dell'Armistizio era di proprietà del conte Vettor Giusti del Giardino, di nobile famiglia veneta, già sindaco di Padova dal 1890 al 1897 e senatore del Regno d'Italia dal 1915. Prima dell'Armistizio, la villa era stata residenza di re Vittorio Emanuele III che, di ritorno dal fronte e per evitare bombardamenti aerei al centro della città di Padova dove aveva stabilito il suo Comando, vi aveva soggiornato dal novembre del 1917 sino al gennaio del 1918. La sala dove fu firmato l'armistizio è tuttora intatta e il mobilio è ancora lo stesso di quella storica giornata.

Altre immagini[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Villa Giusti (PDF), IRVV. URL consultato il 13 luglio 2016.