Vangelo di Basilide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Vangelo di Basilide è un vangelo apocrifo andato perduto. L'autore è lo gnostico Basilide (II secolo).

Di esso ci sono giunte solo frammentarie testimonianze indirette tramite citazioni di alcuni Padri della Chiesa: Origene, Omelia su Luca; Girolamo, prologo al Commentario su San Matteo.

Probabilmente l'opera va identificata con un commentario evangelico di Basilide andato perduto, chiamato Exegetica da Clemente Alessandrino (Stromata 4,12-81) e Tractatus in Acta Archelai et Manetis (60).


Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Voce su ntcanon.org