Vallardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vallardi
Stato
Fondazione
Sede principale Milano
Sito web

I Vallardi furono una famiglia di editori, librai e tipografi milanesi.

Fu Francesco Cesare (1736-1799) che, titolare di una libreria, ne fece uno dei centri della vita culturale milanese. I figli Pietro (1770-1819) e Giuseppe (1784-1861) si distinsero nel panorama editoriale per la pubblicazione di libri e stampe d'arte.

I figli di Pietro, Francesco (1809-1895) e Antonio (1813-1876) fondarono rispettivamente: la Casa Editrice dott. Francesco Vallardi (1840), e la Antonio Vallardi Editore (1843). Nel 1980 il marchio Francesco Vallardi venne acquistato dalla Piccin-Nuova Libraria, mentre nel 1970 la Antonio Vallardi venne rilevata dalla Garzanti[1] e controllata oggi dal Gruppo Editoriale Mauri Spagnol.[2]

Tra le opere più note edite dalla casa editrice figurano il Dizionario del Risorgimento nazionale diretto da Michele Rosi, e la Storia letteraria d'Italia, ad opera di una società di professori (tra i quali Francesco Novati, Guido Mazzoni, Vittorio Rossi, Giulio Bertoni, Natalino Sapegno, e altri), monumento della "Scuola storica" italiana.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Amedeo Benedetti, Le origini della Storia letteraria d'Italia Vallardi, in "Culture del testo e del documento", n.s. 14 (2016), n. 51, pp. 95-116.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]