Valgrisenche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la valle, vedi Valgrisenche (valle).
Valgrisenche
comune
(IT) Comune di Valgrisenche
(FR) Commune de Valgrisenche
Valgrisenche – Stemma Valgrisenche – Bandiera
Valgrisenche – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneValle d'Aosta-Stemma.svg Valle d'Aosta
ProvinciaNon presente
Amministrazione
CapoluogoÉglise
SindacoRiccardo Moret (lista civica Vâgrezèntse miglioriamo insieme - ensemble changeons) dal 24/05/2010
Territorio
Coordinate
del capoluogo
45°37′48″N 7°03′52.2″E / 45.63°N 7.0645°E45.63; 7.0645 (Valgrisenche)Coordinate: 45°37′48″N 7°03′52.2″E / 45.63°N 7.0645°E45.63; 7.0645 (Valgrisenche)
Altitudine1 664 m s.l.m.
Superficie113,48 km²
Abitanti191[1] (28-2-2017)
Densità1,68 ab./km²
FrazioniVedi elenco
Comuni confinantiArvier, La Thuile, Rhêmes-Notre-Dame, Rhêmes-Saint-Georges, Sainte-Foy-Tarentaise (FR-73), Tignes (FR-73)
Altre informazioni
Cod. postale11010
Prefisso0165
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT007068
Cod. catastaleL582
TargaAO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona F, 4 728 GG[2]
Nome abitantivalgriseins
Patronosan Grato di Aosta
Giorno festivo7 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Église
Église
Valgrisenche – Mappa
Posizione del comune di Valgrisenche all'interno della Valle d'Aosta
Sito istituzionale

Valgrisenche (Vâgresèntse in dialetto valdostano[3]; Valgrisenza durante il fascismo dal 1939[4] al 1946, Valgrisanche dal 1946 al 1976[3]) è un comune sparso italiano di 191 abitanti della Valle d'Aosta, posto nella parte sommitale dell'omonima valle. Fa parte della Comunità montana Grand Paradis.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Valgrisenche si trova nella parte sud-occidentale della regione, nella omonima valle. Il capoluogo è situato ad una altitudine di 1664 metri. Di notvole importanza è il Lago di Beauregard che si trova poco dopo il centro abitato e dal quale è anche visibile. Si tratta di un lago artificiale per la cui costruzione, alla metà del '900, è stata sommersa una frazione[5]. Pur avendo una superficie di oltre 100km² solo una piccola parte (il fondovalle) è utilizzabile a causa della presenza dei rilievi montuosi che occupano la gran parte del territorio comunale. Il comune è attraversato dalla Dora di Valgrisenche, tributario di destra della Dora Baltea. L'Aiguille de la Grande Sassière a 3751 metri è il punto più alto e si trova lungo sul confine tra Italia e Francia.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Valgrisenche ha un clima tipicamente alpino. Gli inverni sono freddi e nevosi. La neve ricopre il suolo da metà novembre (o inizio dicembre, a seconda delle precipitazioni) fino a metà aprile. Le estati sono fresche e ventilate con precipitazioni solitamente temporalesche. Nella frazione di Menthieu ad una quota di 1850 metri è presente una stazione meteorologica gestita dal Centro funzionale regionale[7].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • la Fortezza Vieux quartier è ex fortino sabaudo del 1889 situato presso il capoluogo, di proprietà comunale e trasformato in struttura ricettiva (dortoir) grazie ai fondi Konver comunitari, recentemente è stato ristrutturato; nel 2004 ha ospitato gli alpinisti che partecipavano al Tour du Rutor.[8]
  • la chiesa parrocchiale, originariamente del 1390, venne ricostruita nel 1875, anno in cui fu consacrata da monsignor Joseph-Auguste Duc; all'interno si trova il pregevole organo costruito da Carlo Vegezzi Bossi. Il campanile risale invece al 1417[9]
  • la Diga di Beauregard, costruita negli anni cinquanta e sessanta ha fortemente cambiato la vallata sia dal punto di vista antropologico che naturale: lo sbarramento ha dato vita al lago di Beauregard.[9] La costruzione portò all'abbandono di sette villaggi: Fornet, Sevey, Beauregard, Suplun, Chappuis, Surier e Uselliéres.[10]
  • Di interesse economico e curiosità turistica è il magazzino delle fontine, prodotto tipico valdostano, gestito dalla Cooperativa Produttori Latte e Fontina.[9]
  • dal centro del paese parte la Via ferrata Béthaz-Bovard, che con un dislivello di 800 m è la più lunga della Valle d'Aosta e arriva fino a 2605 m s.l.m. sulla Becca d'Aouille [11][12]
  • Sopra al Capoluogo sorge la Caserma difensiva di Valgrisenche, opera fortificata del XIX secolo[13]
  • Gli ambienti d'alta quota della Valgrisenche sono stati proposti come sito di interesse comunitario (cod. pSIC: IT 1205010, 336 ha)

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[14]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Come nel resto della regione, anche in questo comune è diffuso il patois valdostano.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

I tisserands della Valgrisenche[modifica | modifica wikitesto]

Valgrisenche è conosciuta per la tradizione del Drap de Valgrisenche, un tessuto grezzo in lana di montone.[15]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo parrocchiale
  • Esposizione "I tessuti della Valgrisenche: lo drap"
  • Mostra fotografica della diga di Beauregard

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il capoluogo

Bonne, Céré, Chez-Carral, Darbelley, Église (capoluogo), Gerbelle, La Béthaz, La Frassy, Menthieu, Mondanges, Prariond, Planté, Revers, Rocher, Surier, Usellières.

Il municipio (in francese, Maison communale)

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda l'artigianato, importante è la lavorazione del Drap (pron. francese "drà"), che un tempo era costituito da un tessuto lanoso e veniva utilizzato per produrre coperte, e successivamente è stato usato anche per confezionare una maggiore varietà di oggetti, quali borse, tovaglie, ecc.[16]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
17 giugno 1985 29 maggio 1990 Camillo Boson uv Sindaco [17]
29 maggio 1990 27 gennaio 1993 Camillo Boson uv Sindaco [17]
24 febbraio 1993 29 maggio 1995 Elia Bois - Sindaco [17]
29 maggio 1995 8 maggio 2000 Piergiorgio Barrel uv Sindaco [17]
8 maggio 2000 9 maggio 2005 Piergiorgio Barrel lista civica Sindaco [17]
9 maggio 2005 24 maggio 2010 Piergiorgio Barrel lista civica Sindaco [17]
23 maggio 2010 11 maggio 2015 Riccardo Moret Sindaco [17]
1º giugno 2015 in carica Riccardo Moret Sindaco [17]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio comunale è possibile praticare gli sport invernali come sci di fondo, scialpinismo e ciaspolate. Sono presenti impianti di risalita, seggiovia, snow park e piste da sci di fondo.[18] Si pratica inoltre l'alpinismo, la mountain bike, il bouldering, l'arrampicata sportiva il trekking; numerosi sentieri sono a disposizione degli escursionisti. Suggestive la Via ferrata Béthaz-Bovard e la palestra di arrampicata sulla Diga di Beauregard.[18]

Valgrisenche è tra i più importanti punti di riferimento italiani per l'eliski.[18]

Nel 1998 si sono svolte qui le prove della Coppa del Mondo di arrampicata sportiva di velocità.[18]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ a b AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 683.
  4. ^ Regio Decreto 22 luglio 1939, n. 1442
  5. ^ [http://www.lovevda.it/it/banca-dati/3/localita/valle-d-aosta/valgrisenche/427 Valgrisenche su Lovevda
  6. ^ Le zone sismiche in Italia: Valle-Aosta, statistica 2006, www.abspace.it
  7. ^ Stazione meteorologica Menthieu, Valgrisenche, su presidi.regione.vda.it.
  8. ^ A Valgrisenche centro accoglienza polivalente per alpinisti, Ansa Valle d'Aosta, 14 aprile 2004.
  9. ^ a b c Da conoscere e visitare a Valgrisenche, comune di Valgrisenche. URL consultato il 22 agosto 2012.
  10. ^ Fornet, su Paesi Fantasma. URL consultato il 9 aprile 2015.
  11. ^ Via ferrata "Bethaz Bovard" - Ricerche | Valle d'Aosta
  12. ^ Via ferrata Béthaz Bovard di Valgrisenche
  13. ^ Mauro Minola, Beppe Ronco, Valle d'Aosta. Castelli e fortificazioni, Varese, Macchione ed., 2002, pp. 54-55, ISBN 88-8340-116-6.
  14. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  15. ^ Draps de Valgrisenche, Sito ufficiale del Turismo in Valle d'Aosta, 23 maggio 2012.
  16. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 1, Roma, A.C.I., 1985, p. 4.
  17. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/
  18. ^ a b c d Attività sportive sul sito ufficiale del Comune di Valgrisenche.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]