Utente:Draco100190/Sandbox

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vie Aeree Inferiori

Tracheobroncomalacia o TBM è una condizione caratterizzata da flaccidità della cartilagine della trachea, con conseguente collasso tracheale.[1] Questa condizione può altresì colpire i bronchi. Esistono due forme di questa rara patologia: TB primaria e TB secondaria. Nel primo caso la causa è genetica e la sintomatologia appare intorno ai 2 anni di età; nel secondo caso invece è si presenta in seguito a traumi o infiammazioni croniche e si sviluppa (proprio la natura dell'eziologia) principalmente nell'età adulta.[2]

Il 28 Maggio 2013 è stato reso nota una terapia tramite l'utilizzo di una trachea stampata in 3D.[3] Grazie a ciò sono già stati salvati 3 bambini.

Sintomi[modifica | modifica wikitesto]

Talvolta inizialmente o completamente asintomatica, questa patologia include:

  • respiro corto
  • tosse
  • accumulo di
  • respiro fischiante
  • difficoltà respiratorie
  • colorazione bluastra della pelle attorno a naso e bocca[4]

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

La diagnosi dipende dalla gravità dei sintomi: inizialmente sono condotti test di funzionalità polmonare[5]. Questi test includono la verifica della capacità polmonare per quanto riguarda i flussi di inspirazione ed espirazione e flussi di ossigeno e anidride carbonica. Successivamente si possono utilizzare tecniche più avanzate come TAC e broncoscopia [6]. Si definisce tracheobroncomalacia lieve se la trachea del paziente è al 50% della sua capacità durante l'espirazione, tracheobroncomalacia moderata se tale percentuale scende al 25% e infine grave se le pareti della trachea giungono a toccarsi.

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Per somministrare la giusta terapia al paziente è innanzitutto necessario distinguere a quale tipo appartiene (TBM primaria o secondaria). Dopo aver determinato quale tipo di TBM sia, è necessario determinare la causa che l'ha provocata. Nel caso essa sia un'infiammazione cronica della trachea, il primo passo sarà cercare di eliminare le cause a tale situazione. Negli altri casi (genetica) o più generalmente non sia possibile porre rimedio alle cause primarie della TBM, è necessario ricorrere a trattamenti più incisivi: stent al silicone per dilatare la trachea, chirurgia per rinforzare o ricostruire le pareti tracheali, pressione continua nelle vie aeree[7] grazie ad una macchina che soffi in maniera continua aria nella trachea per mantenerla aperta (principalmente di notte), oppure una tracheotomia[8]. I pazienti asintomatici non necessitano di trattamenti e spesso non viene neppure formalizzata una diagnosi.[2]

References[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tracheobronchomalacia in infants and children: multidetector CT evaluation., in Radiology, vol. 252, nº 1, July 2009, pp. 7–22, DOI:10.1148/radiol.2513081280.
  2. ^ a b Tracheobronchomalacia | Disease | Prognosis | Genetic and Rare Diseases Information Center (GARD) – an NCATS Program, rarediseases.info.nih.gov. URL consultato il 03 dicembre 2015.
  3. ^ 3-D printed windpipe gives infant breath of life, nature.com. URL consultato il 09 settembre 2015.
  4. ^ Tracheaobronchomalacia - Cedars-Sinai, cedars-sinai.edu. URL consultato il 03 dicembre 2015.
  5. ^ Pulmonary function tests: MedlinePlus Medical Encyclopedia, nlm.nih.gov.
  6. ^ Bronchoscopy: MedlinePlus Medical Encyclopedia, nlm.nih.gov. URL consultato il 03 dicembre 2015.
  7. ^ What Is CPAP? - NHLBI, NIH, nhlbi.nih.gov. URL consultato il 03 dicembre 2015.
  8. ^ What Is a Tracheostomy? - NHLBI, NIH, nhlbi.nih.gov. URL consultato il 03 dicembre 2015.