Udienza generale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella Chiesa cattolica con il termine udienza generale si indica una particolare forma di udienza del papa.

Prende il nome dal fatto che non è riservata a persone o a gruppi specifici ma è aperta a chiunque desideri parteciparvi.

È stata iniziata dal papa Paolo VI ed è generalmente collocata nel giorno di mercoledì.

Da quando è stata introdotta i papi l'hanno sempre mantenuta, diventando così una forma molto utile ed apprezzata di incontro dei fedeli con il pontefice. All'inizio si teneva nella basilica di San Pietro o in altri luoghi del Vaticano, come il cortile di San Damaso. Durante l'Anno Santo 1975 il numero di pellegrini che si recava a Roma e che partecipava alle udienze generali era molto elevato e per maggior comodità si tenevano in piazza San Pietro. Da allora durante la bella stagione le udienze generali si tengono proprio nella piazza, mentre le altre, nei mesi invernali, quando la presenza di pellegrini è minore, o in caso di maltempo, si tengono nell'aula Nervi, voluta da Paolo VI per questo scopo.

Dal 2013, con l'elezione di Papa Francesco, a causa del grande flusso di pellegrini, le udienze si sono sempre tenute in Piazza San Pietro ad eccezione di due udienze del mese di agosto 2014 e di quelle di gennaio 2015 tenute nell'aula Nervi.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]