This Is War

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
This Is War
ArtistaThirty Seconds to Mars
Tipo albumStudio
Pubblicazione4 dicembre 2009
(vedi date di pubblicazione)
Durata60:45
Dischi1
Tracce12
GenereRock alternativo[1][2][3]
Rock progressivo[4][5][6][7]
EtichettaVirgin Records, EMI
ProduttoreFlood, Steve Lillywhite, Thirty Seconds to Mars
Registrazione2008–2009
The Center for the Advancement of the Arts and Sciences of Sound
(Los Angeles, California)
FormatiCD, LP, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroAustralia Australia[8]
(vendite: 35 000+)
Austria Austria[9]
(vendite: 10 000+)
Irlanda Irlanda[10]
(vendite: 7 500+)
Italia Italia[11]
(vendite: 30 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[12]
(vendite: 7 500+)
Sudafrica Sudafrica[13]
(vendite: 20 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[14]
(vendite: 500 000+)
Dischi di platinoBelgio Belgio (2)[15]
(vendite: 60 000+)
Germania Germania[16]
(vendite: 200 000+)
Polonia Polonia[17]
(vendite: 30 000+)
Portogallo Portogallo (2)[18]
(vendite: 30 000+)
Regno Unito Regno Unito[19]
(vendite: 300 000+)
Thirty Seconds to Mars - cronologia
Album precedente
(2005)
Logo
Logo del disco This Is War
Singoli
  1. Kings and Queens
    Pubblicato: 13 ottobre 2009
  2. This Is War
    Pubblicato: 26 marzo 2010
  3. Closer to the Edge
    Pubblicato: 20 agosto 2010
  4. Hurricane 2.0
    Pubblicato: 3 dicembre 2010
  5. Night of the Hunter
    Pubblicato: 17 maggio 2011

This Is War è il terzo album in studio del gruppo musicale statunitense Thirty Seconds to Mars, pubblicato l'8 dicembre 2009 dalla EMI.[20]

In seguito alla pubblicazione di questo album, la band terrà un tour mondiale che in due anni conterà 311 concerti, realizzando un record mondiale[21][22]. Nella sua prima settimana di uscita This Is War ha venduto oltre 67.000 copie nei soli Stati Uniti[23]. A novembre 2011 ha venduto oltre un milione e mezzo di copie in tutto il mondo, mentre i singoli estratti hanno venduto in totale oltre 1 milione di copie.[10] Ad aprile 2013 l'album è arrivato a vendere quattro milioni di copie.[24]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 agosto 2008 la casa discografica EMI tentò una causa contro i Thirty Seconds to Mars, che nel 1999 firmarono un contratto di nove anni con l'etichetta producendo due album: 30 Seconds to Mars ed A Beautiful Lie.[25] I fratelli Leto furono accusati dalla casa discografica (lasciata il 4 luglio 2008) di non aver realizzato altri 3 album concordati con loro e per questo motivo fu loro richiesto un risarcimento danni pari a trenta milioni di dollari.[26][27][28]

Proprio Jared Leto commentò la notizia attraverso il sito ufficiale del gruppo, rassicurando i fan sul loro ottimo stato di forma e spiegando i motivi per cui avevano deciso di lasciare la EMI.[29]

«Siamo incredibilmente felici e siamo tutti assieme qui a Los Angeles per registrare il nostro nuovo album. Avrete sentito che siamo stati querelati dalla nostra ex casa discografica per la ridicola, spropositata e abbastanza stupida (ma leggermente furba) somma di trenta milioni di dollari. Assurdo! Sì, è proprio quello che abbiamo detto anche noi. Vi raccontiamo una piccola storia: abbiamo firmato il nostro contratto discografico per nove anni, ma per la legge dello Stato della California, dove viviamo e abbiamo siglato l'accordo, non si può essere legati ad un contratto per oltre sette anni. Ciò è risaputo da tutte le case discografiche ed è così da anni. È una legge che protegge le persone da contratti che possono rovinare una carriera. Così siamo stati querelati dalla EMI, ma non per non aver consegnato i dischi o per aver lasciato l'etichetta, ma semplicemente perché abbiamo esercitato il nostro diritto di chiudere il nostro vecchio contratto che per la legge è nullo e invalido. Ce ne siamo andati per varie ragioni, ma soprattutto perché i nostri rappresentanti non sono riusciti ad accordarsi con la EMI per avere un contratto più ragionevole. Se pensate che abbiamo venduto due milioni di dischi in più rispetto al pattuito, non solo la EMI non ci ha pagato nemmeno un centesimo, ma ci ha informato che eravamo loro debitori di un milione e quattrocentomila dollari, cose da pazzi. Un'etichetta dovrebbe riuscire a trarre un profitto da tutti questi dischi venduti o almeno arrivare al pareggio, questo è quello che pensiamo.»

(Jared Leto[30])

Leto ha poi continuato ad elencare altri motivi che li portarono a chiudere il contratto con la EMI: il licenziamento dei loro collaboratori alla Virgin, la richiesta di inserire pubblicità nel loro sito ufficiale e la proprietà del loro master a tempo indeterminato. Leto però tenne a precisare che alcuni collaboratori della Virgin/EMI hanno fatto sì che i Thirty Seconds to Mars arrivassero al successo.[30]

Il 28 aprile 2009 il gruppo tornò sotto contratto con la EMI e di conseguenza la querela di trenta milioni di dollari da parte della casa discografica fu annullata.[31][32][33][34] Jared Leto dichiarò ad MTV:[33]

«È arrivato il tempo per finire la battaglia. Noi siamo molto sollevati ed entusiasti per dire che abbiamo chiarito le nostre divergenze con la EMI, abbiamo firmato un nuovo contratto e noi pubblicheremo l'album, probabilmente, a settembre.»

Registrazione[modifica | modifica wikitesto]

«Sicuramente This Is War è un concept album - voglio dire, se non lo fosse, non sono certo di cosa possa essere - ma sembra essere un lavoro sporco. Le persone sembrano d'accordo nel chiamarlo un'opera rock... ma è molto concettuale, riguarda tante cose spirituali, ed è, davvero, semplicemente ciò che siamo, ciò che siamo diventati.»

(Jared Leto[35])
Il batterista della band Shannon Leto in concerto nel 2010

Nell'agosto 2008 i Thirty Seconds to Mars annunciarono di essere alle prese con la registrazione del loro terzo album. Il 22 agosto, in un'intervista di Kerrang!, i Thirty Seconds to Mars annunciarono che Mark Ellis avrebbe prodotto il terzo album del gruppo.[36] Alcuni dei suoi lavori più conosciuti includono collaborazioni con Depeche Mode, U2, Nine Inch Nails, The Smashing Pumpkins e Sigur Rós. Nel 2006, il suo lavoro con gli U2 lo portò a condividere con loro un Grammy Award all'album dell'anno con How to Dismantle an Atomic Bomb.

In un articolo di MTV, il cantante afferma che la musica composta per l'album è stata influenzata dalle esperienze vissute dalla band in quegli anni di tour mondiale. La band aggiunse anche che, secondo la loro opinione, questo è l'album migliore che abbiano mai realizzato.[29]

Nel dicembre 2008, sempre in un articolo di Kerrang!, Jared Leto raccontò del nuovo album. Non rilasciò molte informazioni sulle canzoni nuove, dicendo solo che vi sarebbero stati due brani che a lui piacevano particolarmente e che si intitolavano Panacea e Kings and Queens.[37][38]

Il 10 febbraio il mensile Rock Sound uscì con nuove dichiarazioni e rivelazioni del cantante. La rivista inglese concluse rivelando due tracce dell'album: Hurricane e Kings and Queens, l'ultima già annunciata in precedenza.[39]

Il 14 febbraio i 30 Seconds to Mars annunciarono che per la realizzazione di questo nuovo lavoro avevano lavorato su un quantitativo di pezzi pari a 120, focalizzando poi l'attenzione su 20 pezzi.[40][41] Nel frattempo la band creò un canale su Kyte, dove postarono video del Making of the Album e dove chattarono con i fan, informandoli sulle ultime novità.[42]

I Summit[modifica | modifica wikitesto]

Il logo del Global Summit

Durante la fase di registrazione il gruppo annunciò un Summit all'Avalon Club di Los Angeles, svoltosi il 26 aprile 2009.[43] I Summit sono l'esperimento dei 30 Seconds to Mars che coinvolgono i fan nella prima registrazione globale della storia. La band registrò gli applausi e le grida del proprio pubblico, e tutto il materiale fu poi utilizzato in seguito per l'album.[44] Jared Leto dichiarò in proposito a MTV:

«Il Summit è stato un esperimento durante la registrazione dell'album. Noi pensavamo in che modo potessimo approfondire il rapporto con i fan di tutto il mondo, lo facciamo spesso. E pensammo, 'Come sarebbe grandioso invitare il mondo a partecipare alle registrazioni del prossimo album dei 30 Seconds to Mars?' ... Noi tentammo di usare il gruppo, il collettivo, come uno strumento musicale. Li abbiamo fatti parlare a bassa voce, abbiamo fatto cantare a mille persone la stessa canzone. E quelle persone faranno parte del prossimo album dei 30 Seconds to Mars. È stata sicuramente una delle migliori cose che abbiamo fatto come gruppo musicale.»

(Jared Leto a MTV[43])

Dopo questa intervista, Leto dichiarò che lo stile dell'album sarebbe stato molto diverso dal loro album di debutto e da A Beautiful Lie, affermando:[43]

«La canzone più lunga dura probabilmente otto minuti. La più corta forse cinque. Non penso che ci sia una canzone che duri meno di cinque minuti. Credo che abbiamo fatto davvero un buon lavoro inseguendo il sentimento, il centro della canzone, e permettendo che ci trascini via. Lavoriamo su queste tracce da dodici mesi, quindi lo sappiamo bene.»

Dopo il grande successo del Summit di Los Angeles, l'evento si replicò in diverse città, tra queste Milano, dove però la band non fu presente.[45] Il Summit milanese si svolse lunedì 22 giugno 2009 al Jungle Sound in via Pestalozzi, organizzato dalla EMI Italiana.[46]

Con oltre cento milioni di visite su YouTube, quaranta milioni su Myspace e più di un milione di fan su Facebook, i Thirty Seconds to Mars risultarono essere all'avanguardia nell'uso del digitale e dopo il successo dei Summit decisero di servirsene per offrire ai propri fan la possibilità di entrare a far parte del processo di registrazione.[20][47] Dal 10 al 30 agosto 2009 il gruppo lanciò il Digital Summit, ovvero la possibilità di partecipare alle registrazioni dell'album anche per coloro che non erano riusciti a raggiungere una delle sedi dei Summit.[48][49] Il Digital Summit è stato tra gli argomenti top 10 di Twitter durante le due settimane di promozione, guadagnando sessantamila pagine viste e tremila registrazioni che sono state inviate dai fan.[20][47]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il polistrumentista Tomo Miličević nel 2009, al secondo album con la band

Nell'aprile 2009 Kanye West annunciò sul sito ufficiale la sua collaborazione con Brandon Flowers e Jared Leto per la canzone Hurricane.[50][51][52] Tuttavia, la versione della traccia cantata con West fu inclusa solo in una prima versione di Hurricane.[53] Infatti nell'album fu pubblicata la canzone con Flowers alle tastiere e West come secondo programmatore.

In un'intervista concessa a MTV, Leto dichiarò:[54]

«Avevo pensato all'idea di lavorare con West qualche tempo fa, ma è incredibile che sia accaduto. Venne da me, era qui nello studio, facevamo qualcosa da ascoltare inizialmente e sapevamo che avevamo bisogno di un qualcosa per concludere, così andammo alle Hawaii con una piccola crew, e ci siamo divertiti.»

Inizialmente era prevista anche una canzone realizzata in collaborazione con Chino Moreno dei Deftones, successivamente scartata.[55]

Pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Durante la Purgatorium in Board, il gruppo comunicò che Tim Kelleher è stato scelto come il bassista per le esibizioni dal vivo, ma senza collaborare alla registrazione dell'album (lo strumento è stato impiegato sia da Tomo Miličević che da Jared Leto). Successivamente alla pubblicazione dell'album, dovrebbe essere realizzato anche un DVD del footage della registrazione dell'album. Si tratterebbe di una sorta di documentario che vedrà al suo interno anche i fan della band, chiamati a rispondere ad alcune domande postate sulla pagina Twitter ufficiale del gruppo.[56]

L'11 settembre venne comunicato sul sito ufficiale che This Is War sarebbe stato pubblicato il 24 novembre 2009 negli Stati Uniti d'America.[20][47] Tuttavia la data di pubblicazione venne nuovamente posticipata per l'8 dicembre[20][47]

Il 24 agosto Jared Leto dichiarò a MTV che la pubblicazione del nuovo singolo era stata stabilita, senza rivelarne il titolo, aggiungendo che sarebbe stato un singolo «davvero potente».[56] L'11 settembre venne annunciato che il primo singolo sarebbe stato Kings and Queens, pubblicato il 13 ottobre.[20][57]

La Triad, simbolo dell'album

Il 4 settembre 2009 venne annunciata la lista tracce dell'album.[58][59][60] La traccia A Call to Arms venne successivamente rinominata in Vox Populi,[61] mentre Equinox in L490.[62]

Il 3 novembre 2009 la title track This Is War fece il suo debutto mondiale in Dragon Age: Origins,[63][64] annunciato dal comunicato stampa della BioWare a Edmonton, Alberta.

L'anteprima mondiale dell'album si svolse il 9 novembre 2009 a Los Angeles al The Montalban Theater, dove fu presentata anche la première del video di Kings and Queens. In Italia l'album fu presentato a Milano il 27 novembre 2009, e dal 30 novembre fino al 4 dicembre, Virgin Radio Italia trasmise in esclusiva i brani dell'album.

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Jared Leto, voce e mente principale dei Thirty Seconds to Mars

Il primo singolo estratto fu Kings and Queens, pubblicato il 13 ottobre, anticipando di un mese la pubblicazione dell'album.[65] Il videoclip del singolo, diretto da Jared Leto stesso sotto lo pseudonimo di "Bartholomew Cubbins", fu pubblicato il 12 novembre 2009.[66]

Il 26 marzo 2010 fu la volta della title track This Is War, estratta come secondo singolo dall'album. Tuttavia, il video musicale per il singolo venne pubblicato solo il 4 aprile dell'anno dopo, sotto la direzione del regista francese Édouard Salier.[67].

Closer to the Edge fu il terzo singolo estratto, pubblicato il 20 agosto 2010 e accompagnato da un video musicale diretto anche questa volta da Jared Leto con lo pseudonimo di Bartholomew Cubbins.[68] Closer to the Edge è la prima canzone che sia stata per oltre 20 settimane di fila nella classifica Rock Songs di Billboard.[69] Il 25 ottobre 2010 il gruppo pubblicò Search and Destroy unicamente come singolo promozionale.[70]

Come quarto singolo fu estratto Hurricane, pubblicato il 3 dicembre 2010 e anticipato da un video musicale diretto nuovamente da Jared, sotto il nome di Bartholomew Cubbins. Il video fu pubblicato in anteprima il 28 novembre su MTV, ma venne bannato dopo poco tempo a causa delle numerose immagini di violenza e nudità presenti in esso.[71] Leto rielaborò il video, apportando alcune modifiche che potessero "andare bene per tutti",[71] e fu successivamente pubblicata una versione censurata del video.[72] Il video originale, lungo oltre 13 minuti, fu reso invece disponibile sul sito ufficiale della band, con un visto censura per i minorenni.[73] Il 17 maggio 2011 è stato pubblicato per le radio statunitensi come quinto ed ultimo singolo Night of the Hunter.[74]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

La copertina[modifica | modifica wikitesto]

This Is War è stato distribuito con duemila copertine diverse che raffigurano le foto dei fan di tutto il mondo. Dall'11 settembre l'iniziativa chiamata Faces of Mars diede la possibilità ai fan di inviare al sito ufficiale le foto che sarebbero state usate per la copertina.[75] Le prime duemila foto inviate secondo alcuni criteri faranno parte della copertina dell'album.[76] L'iniziativa è durata fino a quando duemila foto utili sono state inviate.[77][78]

Il 5 ottobre fu resa nota la copertina usata nei paesi in cui la band non ha lanciato l'iniziativa "Faces of Mars".[79]

Il titolo[modifica | modifica wikitesto]

I Thirty Seconds to Mars hanno sempre preferito non diffondere il titolo dell'album, per paura che i fan avrebbero potuto rimanerne delusi.[37][38] Tuttavia, in un articolo del 14 febbraio 2009 di Kerrang! in esclusiva mondiale, Jared Leto annunciò che il titolo probabilmente sarebbe stato This Is War.[40][41] Il 24 agosto, tuttavia, la band dichiarò a MTV che non erano ancora sicuri che This Is War sarebbe stato il titolo giusto.[56] Infatti This Is War fu per lungo tempo il titolo provvisorio e non fu confermato fino al 1º settembre 2009, quando i membri del gruppo concordarono nel loro laboratorio di Los Angeles che era il titolo perfetto. In precedenza il titolo rappresentava le battaglie che il trio stava combattendo, prima su tutte la lunga battaglia legale con la loro casa discografica EMI/Virgin, ma poi Jared Leto dichiararò che per i Thirty Seconds to Mars comprendeva molto di più, ovvero il processo creativo della band:[80]

«Rappresenta le battaglie che stavamo combattendo, quella con la casa discografica, le battaglie creative, i demoni personali. Ne abbiamo discusso e ci siamo chiesti se fosse ancora così. Alcune delle battaglie – ovviamente quelle creative e quella con la casa discografica – sono finite, ma penso che il titolo continui a rappresentare questo album nel migliore modo possibile, quindi ci atteniamo a 'This Is War'. Rappresenta troppo chiaramente questo periodo delle nostra vita.»

Critica, stile e temi trattati[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[1] 3/5 stelle
Alternative Press[53] 4/5 stelle
Billboard[81] favorevole
Entertainment Weekly[82] B-
Kerrang![83] 4/5 stelle
Los Angeles Times[84] 4/4 stelle
Melodic[85] 4.5/5 stelle
Q[86] 3/5 stelle
Rock Sound[87] 9/10
Slant[88] 3/5 stelle

Stephen Thomas Erlewine, recensore di AllMusic, descrive il suono che la band ha raggiunto in questo album come un misto del new wave dei The Killers e del gothic progressivo dei My Chemical Romance.[1] Inoltre definisce il genere dell'album come un misto di rock elettronico, metal e rock progressivo.[1] Sara Anderson di AOL Radio indica invece come ispiratori della musica di This Is War i Pink Floyd e gli M83.[4] Cortney Harding di Billboard dice che l'album è "un passo avanti per la band, anche se non ha completamente abbandonato le tendenze melodiche e hard rock".[89] Anche Mike McGuirk di Rhapsody.com ha definito l'album vicino all'hard rock, anche se meno aggressivo di A Beautiful Lie e con elementi da lui definiti "emo-prog".[90] Victoria Durham vota l'album con un 9, definendolo come "passionale, travolgente e sorprendentemente focalizzato".[87] Kevin Liedel di Slant Magazine ha invece definito la musica dell'album come un art rock a metà tra Linkin Park e U2.[88]

Altri generi citati dai critici per descrivere la musica dell'album sono stati l'arena rock[91][92] e il rock sperimentale.[93]

Jared Leto, frontman della band e principale compositore dei testi, descrive This Is War come un concept album:[93][94]

«Questo album parla di sopravvivenza. L'abbiamo realizzato con molta intensità. È stata una battaglia creativa di due anni feroce e dura ma creativamente gratificante, e tutti quegli elementi ostili, col senno di poi, ci hanno fatti più forti e hanno fatto l'album più forte. Penso che un sacco di persone saranno davvero, davvero sorprese da questo album, specialmente le persone che magari hanno avuto un'idea di quello che questa band è stata e di tutto quello di cui facciamo parte. Siamo cresciuti dentro di noi un po' di più in questo lavoro. Vi è molta più elettronica e musica sperimentale. L'intero album ha avvolto questo intenso periodo di due anni, dove sentivi l'intero mondo cadere a pezzi e grandi cambiamenti in atto. Penso che tu possa sentire questo nel suono dell'album.»

Il tour[modifica | modifica wikitesto]

La band in concerto a Manchester durante l'Into the Wild Tour nel 2010

Dal novembre al dicembre 2009 il gruppo si è esibito per un mini tour promozionale europeo e statunitense. Il 19 febbraio 2010 il gruppo inaugurò il tour mondiale da supporto all'album, intitolato Into the Wild. Il nome del tour prende il nome dal testo di un brano del primo album della band, The Mission.

Il 7 dicembre 2011, con il 311º concerto del tour a New York, la band stabilisce il nuovo record per il maggior numero di concerti tenuti per un solo album.[21][22][95]

Con le oltre 300 date (117 in Europa e in Nord America, 9 in Australasia, 3 in Africa, 16 in Asia e 5 in Sud America) la band ha suonato in tutti i continenti, collezionando vari sold out in tutto il mondo.[96] Le setlist hanno compreso brani sia da A Beautiful Lie che da This Is War, ma delle canzoni dall'omonimo primo album la band ha suonato solo Capricorn (A Brand New Name) e Buddha for Mary, rispettivamente in cinque e in due occasioni. Solitamente, verso la fine dei concerti, Jared Leto fa salire sul palco al fianco della band una cinquantina di persone dal pubblico, con il solito sottofondo di Cowboys from Hell dei Pantera suonata da Shannon e Tomo, per poi concludere il concerto con Kings and Queens.[97][98]

Come gruppi spalla delle prime date del tour (in Nord America e in Europa) hanno suonato band come Enter Shikari, Street Drum Corps e Shiny Toy Guns.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Jared Leto, eccetto dove indicato.

  1. Escape – 2:23
  2. Night of the Hunter – 5:40
  3. Kings and Queens – 5:47
  4. This Is War – 5:27
  5. 100 Suns – 1:58
  6. Hurricane – 6:12
  7. Closer to the Edge – 4:33
  8. Vox Populi – 5:42
  9. Search and Destroy – 5:38
  10. Alibi – 5:59
  11. Stranger in a Strange Land – 6:54
  12. L490 – 4:26 (musica: Shannon Leto)
Tracce bonus nell'edizione giapponese
  1. Kings and Queens (Eddy and Tiborg Radio Mix) – 4:10
  2. Kings and Queens (Innerpartysystem Remix Main) – 6:12
Tracce bonus nell'edizione di iTunes[99]
  1. Kings and Queens (LA Riots Vocal Mix) – 6:11
  2. Night of the Hunter (Flood Remix) – 5:41
Tracce bonus nell'edizione deluxe
  1. Hurricane 2.0 (featuring Kanye West) – 6:10
  2. Bad Romance (BBC Live Version) – 4:40
  3. Stronger (BBC Live Version) – 6:02
DVD bonus nell'edizione deluxe
  1. Closer to the Edge – 6:22
  2. The Ride (Kings and Queens) – 8:51
  3. The Making of "The Ride" – 20:48
  4. Into the Wild – 6:15
  5. The Summit – 3:12
  6. "War Is Coming" Short Films – 7:16
Tracce bonus nell'edizione deluxe di iTunes[100]
  1. Hurricane 2.0 (featuring Kanye West) – 6:10
  2. Bad Romance (BBC Live Version) – 4:40
  3. Stronger (BBC Live Version) – 6:02
  4. Kings and Queens (LA Riots Vocal Mix) – 6:11
  5. Night of the Hunter (Flood Remix) – 5:41

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Molti artisti, ingegneri del suono e produttori hanno lavorato con la band per This Is War. Quelli accreditati sono:[101][102]

Gruppo
Altri musicisti
Produzione
  • Floodproduzione
  • Thirty Seconds to Mars – produzione, missaggio in L490
  • Steve Lillywhite – coproduzione in Kings and Queens, Closer to the Edge, Vox Populi
  • Ryan Williams – ingegneria del suono, missaggio
  • Bran Virtue – ingegneria del suono in Night of the Hunter e Search and Destroy, missaggio in Stranger in a Strange Land
  • Tom Biller – ingegneria del suono aggiuntiva in Night of the Hunter, Kings and Queens, 100 Suns, Hurricane, Alibi
  • Rob Kirwan – ingegneria del suono aggiuntiva in Kings and Queens, This Is War, Vox Populi
  • Dana Neilsen - ingegneria del suono aggiuntiva in Night of the Hunter e Stranger in a Strange Land
  • Matt Radosevich – ingegneria del suono aggiuntiva in This Is War, Search and Destroy e Closer to the Edge
  • Jamie Schefman – ingegneria del suono aggiuntiva
  • Sonny Diperri – ingegneria del suono aggiuntiva
  • Joe Wohlmut – ingegneria del suono aggiuntiva per i Summit di Los Angeles
  • Andre Doucette – ingegneria pre-produzione
  • Cenzo Townshend – missaggio in Hurricane
  • Neil Comber – assistenza al missaggio in Hurricane
  • Mike Shipley – missaggio in Search and Destroy
  • Brian Wholgemuth – assistenza al missaggio in Search and Destroy
  • Stephen Marcussen – mastering

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2010) Posizione
Australia[106] 87
Germania[107] 47
Regno Unito[108] 74
Stati Uniti[109] 116
Stati Uniti (alternative)[110] 27
Stati Uniti (rock)[111] 38

Date di pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Paese Data di pubblicazione Etichetta Formato
Australia[112] 4 dicembre 2009 EMI Music Australia CD
Austria[113] EMI Music Austria
Finlandia[114] EMI Music Finland
Germania[115] EMI Music Germany
Italia EMI Music Italy/Virgin
Svizzera[116] EMI Music Switzerland
Danimarca[117] 7 dicembre 2009 EMI Music Denmark
Nuova Zelanda[118] EMI New Zealand
Norvegia[119] EMI Music Norway
Polonia[120] EMI Music Poland
Regno Unito[121] EMI UK/Virgin
Argentina[122] 8 dicembre 2009 EMI Music Argentina
Canada[123] Virgin U.S.
Messico[124] EMI Music México
Spagna[125] EMI Music Spain
Stati Uniti d'America[20] EMI/Virgin America
Sudafrica[126] EMI/Virgin
Brasile[127] 10 dicembre 2009 EMI Music Brazil
Giappone[128] 13 gennaio 2010 EMI Music Japan
Deluxe Edition
Stati Uniti d'America[129] 9 novembre 2010 EMI/Virgin America CD+DVD
Australia[130] 19 novembre 2010 EMI Music Australia
Polonia[131] 22 novembre 2010 EMI Music Poland
Brasile[132] 30 novembre 2010 EMI Music Brazil

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) This Is War, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 24 ottobre 2013.
  2. ^ (EN) Chris Coplan, Album Review: 30 Seconds To Mars – This Is War, Consequence of Sound, 8 dicembre 2009. URL consultato il 24 ottobre 2013.
  3. ^ (EN) Alex Lai, 30 Seconds to Mars - This Is War Album Review, su contactmusic.com. URL consultato il 24 ottobre 2013.
  4. ^ a b (EN) 30 Seconds to Mars 'This Is War' - New Album, AOLRadioblog.com, 8 dicembre 2009.
  5. ^ (EN) Daniel Wilcox, 30 Seconds to Mars - This is War Review, su 411mania.com, 8 dicembre 2009. URL consultato il 10 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2014).
  6. ^ (EN) Celinda Groenewald, 30 Seconds to Mars – This is War, su channel24.co.za, 9 dicembre 2009. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  7. ^ (EN) Ryan Kristobak, Jared Leto's 30 Seconds To Mars Documentary, 'Artifact,' Receives Release Date, The Huffington Post, 12 aprile 2013. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  8. ^ (EN) ARIA Charts – Accreditations – 2010 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 9 novembre 2010.
  9. ^ (DE) Gold & Platin, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 9 novembre 2010.
  10. ^ a b (EN) Thirty Seconds to Mars critically acclaimed[collegamento interrotto], Thirty Seconds to Mars, 22 novembre 2011. URL consultato il 15 giugno 2012.
  11. ^ This Is War (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 29 novembre 2011.
  12. ^ (EN) Thirty Seconds to Mars take NYC by Storm with Hurricane screening at the museum of sex, MV Remix, 15 maggio 2011. URL consultato il 17 maggio 2011.
  13. ^ (EN) Thirty Seconds To Mars Album 'This Is War' Deluxe Edition Set For Release This Tuesday, Nov. 9th, Virgin Records, 5 novembre 2010. URL consultato il 9 novembre 2010.
  14. ^ (EN) Thirty Seconds to Mars, This Is Water – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 18 marzo 2015.
  15. ^ (EN) Krita Coelho, Thirty Seconds to Mars: expect the unexpected, gulfnews. URL consultato il 17 luglio 2011.
  16. ^ (DE) Gold-/Platin-Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 31 ottobre 2011.
  17. ^ (PL) Listy bestsellerów, wyróżnienia, Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 31 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2011).
  18. ^ (PT) Top Oficial AFP: Top 30 Artistas – Semana 42 de 2010, Associação Fonográfica Portuguesa. URL consultato il 5 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2011).
  19. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 20 agosto 2011.
  20. ^ a b c d e f g (EN) 30 Seconds To Mars, New Studio Album Set To Hit Tuesday, December 8th, Virgin Records, 11 settembre 2009. URL consultato il 19 settembre 2009.
  21. ^ a b 30 Seconds To Mars Make History At Triumphant Show, MTV, 8 dicembre 2011. URL consultato l'8 dicembre 2011.
  22. ^ a b Steve Baltin, Thirty Seconds to Mars Pause Touring to Record New LP, Rolling Stone, 23 aprile 2012. URL consultato il 26 aprile 2012.
  23. ^ (EN) Mars Attacks, in What's On (Motivate Publishing), nº 295, marzo 2011, pp. 29–30.
  24. ^ Jared Leto a Milano il 22 aprile 2013 per il nuovo album dei 30 Seconds To Mars, su musicroom.it. URL consultato il 20 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2013).
  25. ^ (EN) Hilary Lewis, Artists Rip EMI For Firing Their Favorite Executives, Business Insider, 18 agosto 2008. URL consultato il 18 settembre 2008.
  26. ^ (EN) Chris Harris, 30 Seconds To Mars' Jared Leto Says $30 Million Lawsuit Against Band Is 'Ridiculously Overblown', MTV, 18 agosto 2008. URL consultato il 18 settembre 2008.
  27. ^ (EN) Daniel Kreps, Virgin/EMI Sue 30 Seconds to Mars for $30 Million, Leto Fights Back, Rolling Stone, 18 agosto 2008. URL consultato il 18 settembre 2008.
  28. ^ (EN) 30 Seconds To Mars Being Sued By EMI For $30 Million [collegamento interrotto], su angryape.com, 18 agosto 2008. URL consultato il 18 settembre 2008.
  29. ^ a b (EN) Chris Harris, 30 Seconds To Mars In 'Good Spirits' Despite $30 Million Lawsuit, MTV, 1º dicembre 2008. URL consultato il 29 aprile 2009.
  30. ^ a b (EN) 8/18/2008 - A Letter From The Front: 30 Seconds to Mars / EMI (The Lawsuit), Thirty Seconds to Mars, 18 agosto 2009. URL consultato il 16 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2007).
  31. ^ (EN) 4/28/2009 - EMI vs. MARS, Thirty Seconds to Mars, 28 aprile 2009. URL consultato il 29 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2007).
  32. ^ (EN) James Montgomery, 30 Seconds To Mars Try Hard So You Don't Have To, MTV, 29 aprile 2009. URL consultato il 29 aprile 2009.
  33. ^ a b (EN) James Montgomery, Exclusive: 30 Seconds To Mars Talk Settlement With EMI, MTV, 29 aprile 2009. URL consultato il 30 aprile 2009.
  34. ^ (EN) Todd Martens, Exclusive: 30 Seconds to Mars and EMI make nice, new album due this fall, Los Angeles Times, 28 aprile 2009. URL consultato il 30 aprile 2009.
  35. ^ (EN) James Montgomery, 30 Seconds To Mars Get Deep, Dirty On This Is War, MTV, 8 dicembre 2009. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  36. ^ (EN) What really goes on at Kerrang! Awards, BBC, 22 agosto 2008. URL consultato il 19 aprile 2009.
  37. ^ a b (EN) 2/9/2009 - Help us Build The International Mars Library and Archive, Thirty Seconds to Mars, 8 febbraio 2009. URL consultato il 19 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2007).
  38. ^ a b (EN) 30 Seconds to Mars - Kerrang! Scan about the New Album, Kerrang!, 31 dicembre 2008. URL consultato il 19 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2009).
  39. ^ (EN) 30 Seconds To Mars May Giveaway New Album, Rock Sound, 10 febbraio 2009. URL consultato il 20 aprile 2009.
  40. ^ a b (EN) Dan, World exclusive 30 Seconds To Mars interview!, Kerrang!, 10 marzo 2009. URL consultato il 13 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2009).
  41. ^ a b (EN) World exclusive 30 Seconds To Mars studio report (PDF)[collegamento interrotto], Thirty Seconds to Mars. URL consultato il 30 aprile 2009.
  42. ^ (EN) Kyte: Thirty Seconds to Mars Web Show, su kyte.tv. URL consultato il 20 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2009).
  43. ^ a b c (EN) James Montgomery, 30 Seconds To Mars Talk Fan Summit, MTV, 28 aprile 2009. URL consultato il 30 aprile 2009.
  44. ^ Il Summit dei 30 Seconds To Mars[collegamento interrotto], Rolling Stone Italia, 10 giugno 2009. URL consultato il 23 giugno 2009.
  45. ^ (EN) Dan, 30 Seconds To Mars bring fan forum to London, Kerrang!, 3 giugno 2009. URL consultato il 6 giugno 2009 (archiviato dall'url originale l'11 giugno 2009).
  46. ^ I 30 Seconds to Mars fan cantare i fan, Rolling Stone Italia, 24 giugno 2009. URL consultato il 25 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2009).
  47. ^ a b c d (EN) 9/11/2009 - 30 Seconds To Mars, New Studio Album Set To Hit Tuesday, December 8th, Thirty Seconds to Mars, 11 settembre 2009. URL consultato l'11 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2007).
  48. ^ (EN) John Benson, 30 Seconds to Mars looks to fans for input, The Hollywood Reporter, 10 agosto 2009. URL consultato il 14 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2009).
  49. ^ (EN) 30 Seconds To Mars Invite the World to Record on Their New Album, su buzznet.com, 11 agosto 2009. URL consultato il 14 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2009).
  50. ^ (EN) Blog, Kanye West, 14 aprile 2009. URL consultato il 19 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2009).
  51. ^ (EN) James Montgomery, Kanye West Working With 30 Seconds To Mars On New Album, MTV, 15 aprile 2009. URL consultato il 17 aprile 2009.
  52. ^ (EN) Chris Harris, 30STM's Jared Leto on Working With Kanye West, Rolling Stone, 20 aprile 2009. URL consultato il 30 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 4 maggio 2009).
  53. ^ a b (EN) Scott Heisel, File Under: Nu-Arena Rock, in Alternative Press, nº 258, p. 91, ISSN 1065-1667 (WC · ACNP).
  54. ^ (EN) James Montgomery, 30 Seconds To Mars Reveal Details Of Kanye West Collaboration, MTV, 1º maggio 2009. URL consultato il 19 settembre 2009.
  55. ^ 30 Seconds to Mars - Collaborazione con Chino Moreno dei Deftones, su groovebox.it, 22 agosto 2011. URL consultato il 7 maggio 2012.
  56. ^ a b c (EN) James Montgomery, 30 Seconds To Mars Plot 'Massive' Next Single, Short Film, MTV, 24 agoato 2009. URL consultato il 26 agosto 2009.
  57. ^ Tom Spinelli, 30 Seconds To Mars Reveal Single News, Melodic, 2 settembre 2009. URL consultato il 19 aprile 2009.
  58. ^ (EN) Dan, 30 Seconds To Mars unveil new album track listing, Kerrang!, 4 settembre 2009. URL consultato il 19 settembre 2009 (archiviato dall'url originale l'8 settembre 2009).
  59. ^ (EN) Tim Karan, 30 Seconds To Mars' This Is War Tracklisting, Alternative Press, 4 settembre 2009. URL consultato il 20 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2009).
  60. ^ (EN) Tom Spinelli, 30 Seconds To Mars Reveal Tracklist For This Is War, su melodic.net, 4 settembre 2009. URL consultato il 20 settembre 2009.
  61. ^ (EN) Sep 18th Twitter: 30 Seconds To Mars, Twitter, 18 settembre 2009. URL consultato il 20 settembre 2009.
  62. ^ (EN) 10/13/2009 - This Is War iTunes Pre-order is available now!, Thirty Seconds to Mars, 13 ottobre 2009. URL consultato il 13 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2007).
  63. ^ (EN) 11/4/2009 - Thirty Seconds to Mars Brings “WAR” to Dragon Age: Origins, Thirty Seconds to Mars, 4 novembre 2009. URL consultato il 4 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2007).
  64. ^ (EN) 30 Seconds To Mars - Dragon Age: Origins trailer, The in Sound from Way Out, 3 novembre 2009. URL consultato il 4 novembre 2009.
  65. ^ (EN) 30 Seconds to Mars premiere "Kings and Queens", Alternative Press, 6 ottobre 2009. URL consultato il 26 luglio 2012.
  66. ^ (EN) 30 Seconds To Mars Almost Didn't Finish 'Kings And Queens' Video, MTV, 12 novembre 2009. URL consultato il 26 luglio 2012.
  67. ^ (EN) Transmission: This Is War Music Video Premieres, su us1.campaign-archive1.com, 4 aprile 2011. URL consultato il 26 luglio 2012.
  68. ^ (EN) MTV Buzzworthy: Video You Need To Know: 30 Seconds To Mars, 'Closer To The Edge', su thirtysecondstomars.thisisthehive.net, 20 agosto 2010. URL consultato il 26 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 29 febbraio 2012).
  69. ^ (EN) 30 Seconds to Mars, Billboard. URL consultato il 6 aprile 2013.
  70. ^ (EN) RWD Mag: Thirty Seconds To Mars Announce New Single Search & Destroy and UK Tour Dates, su thirtysecondstomars.thisisthehive.net, 20 settembre 2010. URL consultato il 26 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2010).
  71. ^ a b (EN) Hurricane Banned From Television, Jared Leto, 28 novembre 2009. URL consultato l'11 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2012).
  72. ^ (EN) 30 Seconds To Mars' Jared Leto Clears Up 'Hurricane' Controversy Short film wasn't banned on MTV, contrary to reports., MTV, 1º dicembre 2010. URL consultato l'11 marzo 2011.
  73. ^ (EN) Thirty Seconds to Mars /// Hurricane, su thirtysecondstomars.thisisthehive.net. URL consultato il 26 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2010).
  74. ^ (EN) 30 Seconds To Mars Reveal New Single To Be 'Night Of The Hunter', MTV, 29 aprile 2011. URL consultato il 26 luglio 2012.
  75. ^ New 30 Seconds To Mars album to have 2,000 different covers!, Kerrang!, 15 settembre 2009. URL consultato il 19 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2009).
  76. ^ (EN) Tom Spinelli, 30 Seconds To Mars Unviel Album Cover And Details, su melodic.net, 12 settembre 2009. URL consultato il 19 aprile 2009.
  77. ^ (EN) 30 Seconds To Mars To Produce 2,000 Album Covers, RockSound.tv, 15 settembre 2009. URL consultato il 20 settembre 2009.
  78. ^ 30 Seconds to Mars, il nuovo album avrà 2000 copertine[collegamento interrotto], Rolling Stone Italia, 14 settembre 2009. URL consultato il 19 settembre 2009.
  79. ^ (EN) 10/5/2009 - One new cover revealed!, su thirtysecondstomars.com, 5 ottobre 2009. URL consultato il 5 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2009).
  80. ^ (EN) ModernMath, Exclusive: 30 Seconds To Mars Reveal Album Title, Buzznet, 1º settembre 2009. URL consultato il 19 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2009).
  81. ^ (EN) Mikael Wood, 30 Seconds to Mars, "This Is War", Billboard, 19 gennaio 2010. URL consultato il 21 agosto 2012.
  82. ^ (EN) Andy Greenwald, This Is War (2009), Entertainment Weekly, 9 dicembre 2009. URL consultato il 21 agosto 2012.
  83. ^ (EN) Daniel Lane, 30 Seconds to Mars Aim for the Stars with Truly Epic Third Album, in Kerrang!, 2009, p. 50.
  84. ^ (EN) August Brown, 30 Seconds to Mars: the War is Won, in Los Angeles Times, 17 dicembre 2009.
  85. ^ (EN) 30 Seconds to Mars - This Is War, Melodic. URL consultato il 28 luglio 2012.
  86. ^ (EN) This Is War (Q), gennaio 2010, p. 117.
  87. ^ a b (EN) Victoria Durham, 30 Seconds to Mars - This Is War, su rocksound.tv, 9 dicembre 2009. URL consultato il 28 luglio 2012.
  88. ^ a b (EN) Kevin Liedel, 30 Seconds to Mars - This Is War, Slant Magazine. URL consultato il 5 maggio 2012.
  89. ^ (EN) Cortney Harding, 30 Seconds To Mars Recruits Fans For 'War', Billboard.com.
  90. ^ (EN) Mike McGuirk, This Is War: 30 Seconds to Mars, Rhapsody. URL consultato l'8 settembre 2012.
  91. ^ (EN) 30 Seconds to Mars - 'This Is War' Review, About.com. URL consultato il 14 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2012).
  92. ^ (EN) Thirty Seconds to Mars, 'This Is War', Spin, 30 novembre 2009. URL consultato il 20 giugno 2012.
  93. ^ a b (EN) 30 Seconds To Mars Sing About Survival on "This Is War", Rolling Stone, 8 dicembre 2009. URL consultato il 27 maggio 2012.
  94. ^ (EN) James Montgomery, 30 Seconds To Mars Get Deep, Dirty On This Is War, MTV, 8 dicembre 2009. URL consultato il 12 gennaio 2015.
  95. ^ (EN) MARS Will Break Record For Most Amount Of Shows Performed During A Single Album Cycle, su thirtysecondstomars.thisisthehive.net, 16 ottobre 2011. URL consultato il 7 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2012).
  96. ^ (EN) 30 Seconds to Mars set to rock their way to world record with tour, GuinnessWorldRecords.com, 19 ottobre 2011. URL consultato il 30 maggio 2012.
  97. ^ 30 SECONDS TO MARS: foto-report dal concerto a Bologna, su musicametal.blogosfere.it, 8 dicembre 2010. URL consultato il 30 maggio 2012.
  98. ^ Concert Review: 30 Seconds to Mars at Oakdale Theatre
  99. ^ This Is War, iTunes. URL consultato il 24 dicembre 2013.
  100. ^ This Is War - Deluxe, iTunes. URL consultato il 24 dicembre 2013.
  101. ^ (EN) This Is War - Thirty Seconds to Mars : Credits, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 24 ottobre 2013.
  102. ^ Booklet ufficiale presente nella custodia dell'album
  103. ^ a b c d e f g h i j k l m n (NL) Thirty Seconds To Mars - This Is War, Ultratop. URL consultato il 12 febbraio 2011.
  104. ^ a b c d e This Is War, Acharts.us. URL consultato il 12 febbraio 2011.
  105. ^ a b c (EN) Thirty Seconds to Mars - Awards, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 24 ottobre 2013.
  106. ^ (EN) Top 100 Albums 2010, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 15 giugno 2012.
  107. ^ (DE) VIVA Album Jahrescharts 2010, su viva.tv. URL consultato il 15 giugno 2012 (archiviato dall'url originale l'11 giugno 2012).
  108. ^ (EN) Official Album Chart 2010 (PDF), su ukchartsplus.co.uk. URL consultato il 20 giugno 2012.
  109. ^ (EN) Best of 2010 - Billboard 200 Albums, Billboard. URL consultato il 15 giugno 2012.
  110. ^ (EN) Best of 2010 - Alternative Albums, Billboard. URL consultato il 15 giugno 2012 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2011).
  111. ^ (EN) Best of 2010 - Rock Albums, Billboard. URL consultato il 15 giugno 2012.
  112. ^ (EN) Kara, 30 Seconds To Mars - Kings & Queens / EMI Australia's Music, The in Sound from Way Out, 7 ottobre 2009. URL consultato il 22 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2012).
  113. ^ (DE) This Is War - EMI - Gute Musik ist besser, EMI Music Austria. URL consultato il 1º novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2012).
  114. ^ (FI) 30 Seconds To Marsin This Is War -albumi julkaistaan jo 4.12. / EMI / Uutiset, EMI Music Finland, 27 novembre 2009. URL consultato il 10 dicembre 2009.
  115. ^ (DE) This Is War - EMI - Gute Musik ist besser, EMI Music Germany. URL consultato il 1º novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2012).
  116. ^ (DE) This Is War - EMI - Gute Musik ist besser, EMI Music Switzerland. URL consultato il 1º novembre 2009.
  117. ^ (DA) 30 Seconds To Mars er tilbage[collegamento interrotto], EMI Music Denmark. URL consultato il 21 novembre 2009.
  118. ^ (EN) Shahlin, 30 Seconds To Mars: "Kings and Queens! music video, The In Sound From Way Out, 18 novembre 2009. URL consultato il 18 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2012).
  119. ^ (NO) EMI Music Norway: Ny single og album fra 30 Seconds to Mars, EMI Music Norway, 14 ottobre 2009. URL consultato il 23 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2011).
  120. ^ EMI Music Polska - 30 Seconds To Mars - This Is War, EMI Music Poland. URL consultato il 23 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2012).
  121. ^ (EN) 30 Seconds To Mars announce London show, Rock Sound, 28 settembre 2009. URL consultato il 28 settembre 2009.
  122. ^ (ES) EMI Music Argentina - Actualidad, EMI Music Argentina. URL consultato il 29 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2001).
  123. ^ (EN) 30 Seconds To Mars - This Is War / ShopEMI Music Canada, EMI Music Canada. URL consultato il 22 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2012).
  124. ^ (ES) EMI Music México - Actualidad, EMI Music México. URL consultato il 29 settembre 2009.
  125. ^ (ES) 30 Seconds To Mars publican su nuevo álbum de estudio "This Is War" el 8 de deciembre, EMI Music Spain, 13 novembre 2009. URL consultato il 20 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2012).
  126. ^ (EN) 30 Seconds to Mars New Studio Album 'This Is War' Set to Hit December 7 on EMI's Virgin Records - EMI Esounds, EMI Esounds, 17 novembre 2009. URL consultato il 17 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 19 febbraio 2010).
  127. ^ (PT) This Is War - 30 Seconds To Mars - Rock, Livraria Cultura. URL consultato il 4 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2012).
  128. ^ (JA) ニュー・アルバム『This Is War』発売決定!!!, EMI Music Japan, 14 ottobre 2009. URL consultato il 20 novembre 2009.
  129. ^ (EN) 30 Seconds To Mars - This is War (Deluxe edition), Amazon.com. URL consultato il 22 novembre 2010.
  130. ^ (EN) This is War Deluxe edition, JB Hi-Fi. URL consultato il 22 agosto 2011.
  131. ^ (PL) 30 Seconds To Mars - This Is War, Deluxe PL, su empik.com. URL consultato il 22 novembre 2010.
  132. ^ (PT) 30 Seconds To Mars - This is War Deluxe edition (Brazil release date), Livraria Cultura. URL consultato il 30 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2012).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]