Tasso annuo nominale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il tasso annuo nominale o TAN è il tasso di interesse puro applicato ad un finanziamento. È il tasso da utilizzare come termine di paragone con il tasso di rendimento delle attività finanziarie, con il tasso di sconto, ecc. Non corrisponde tuttavia al tasso d'interesse realmente applicato al finanziamento, ma al tasso effettivo periodale moltiplicato per il numero di periodi in cui l'anno è ripartito.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il TAN è pari all'insieme di tutti i tassi di interesse dell'anno. Se le rate sono mensili, trimestrali, semestrali, il loro numero (12, 4, 2, rispettivamente) verrà moltiplicato per il loro singolo tasso di interesse. Per esempio, se si fa un investimento a un tasso trimestrale del 3%, il TAN sarà pari al 12% (3% moltiplicato per 4).

Ma il tasso annuo effettivo, sarà maggiore per effetto della capitalizzazione.

Dato il tasso d'interesse effettivo periodale , il numero di capitalizzazioni per anno , il TAN, , sarà (nel caso di interessi uguali):

Conoscendo il TAN, il tasso annuo effettivo può essere calcolato con la formula:

poiché l'interesse effettivo è l'interesse composto, dato dal capitale (il 100%, l'unità) a cui si somma il tasso d'interesse effettivo periodale che viene moltiplicato per sé stesso per il numero di capitalizzazioni per anno. Alla fine, si sottrae di nuovo l'unità (il capitale iniziale), ottenendo l'interesse su base annua, pari - in questo caso - al 12,55% (lo 0,55% in più rispetto al TAN).

Per il calcolo del TAN, partendo dal tasso annuo effettivo, si utilizza la seguente formula inversa:

Invece, il TAEG (tasso annuo effettivo globale) è cosa ben diversa dal TAN, poiché nella formazione di tale valore concorrono il TAN e altri costi specifici che variano a seconda dell'istituto creditore.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia