Surkh Kotal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Surkh Kotal
WimaKadphisesCoinage.JPG
Localizzazione
StatoAfghanistan Afghanistan
Mappa di localizzazione

Coordinate: 36°03′N 68°34′E / 36.05°N 68.566667°E36.05; 68.566667

Surkh Kotal è un antico sito archeologico situato nella Battria meridionale, in quello che oggi è l'Afghanistan, vicino alla città di Pol-e Khomri, capoluogo della provincia di Baghlan.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Vi si trovano costruzioni monumentali erette durante il periodo dell'impero Kushan. Ci sono inoltre enormi templi, statue di re Kushan ed inscrizioni che ricostruiscono la cronologia delle dinastie regnanti. Un'altra parte della cronologia è nota grazie all'inscrizione di Rabatak trovata poco distante.

Il sito di Surkh Kotal, scavato tra il 1952 ed il 1966 dal prof. Schlumberger della Délégation Archéologique Française en Afghanistan, è il principale sito scavato relativo all'impero Kushan. Alcune sculture presenti sono state trasferite presso il Museo Nazionale Persiano (noto anche come Museo di Kabul), mentre il resto degli oggetti sono stati trafugati da Surkh Kotal nel corso della guerra civile afgana. I più famosi artefatti sono sicuramente le inscrizioni di Surkh Kotal, la statua di re Kanishka ed un altare del fuoco. La statua del re fu distrutta durante l'ondata iconoclasta dei Talebani a febbraio-marzo del 2001, ma è stata poi restaurata da alcuni artigiani francesi. Tutti e tre questi oggetti sono attualmente esposti presso il Museo di Kabul.

Le iscrizioni[modifica | modifica wikitesto]

Le iscrizioni di Surkh Kotal sono state tradotte in inglese da J. Harmatta. In origine erano scritte in lingua battriana ed in greco. Esistono anche altre possibili interpretazioni del suo significato.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ János Harmatta, "Languages and literature of the Kushan Empire", 1994, History of civilizations of Central Asia, Volume II, pp. 427-432, UNESCO Publishing, Parigi, ISBN 92-3-102846-4

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M. Le Berre e G. Fussman, Surkh Kotal en Bactriane I. Les temples, MDAFA 25, Parigi, 1983
  • Willem Vogelsang, The Afghans, 2002, pp. 148-150, Blackwell Publishers, Oxford, ISBN 0631198415
  • Nancy Hatch Dupree, An Historical Guide to Afghanistan, prima edizione: 1970, seconda edizione: 1977, Afghan Tourist Organization
Archeologia Portale Archeologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di archeologia