Suore di carità del Verbo Incarnato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le suore di carità del Verbo Incarnato (in inglese Sisters of Charity of the Incarnate Word) sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: i membri di questa congregazione pospongono al loro nome la sigla C.C.V.I.[1]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La congregazione fu fondata da Claude-Marie Dubuis (1817-1895): giunto in Francia dal Texas per reclutare religiose da impiegare nella diocesi di Galveston, si rivolse a tre suore che prestavano servizio in un ospedale di Lione (Maria Blandina di Gesù Mathelin, Maria Giuseppa di Gesù Roussin e Maria Angela di Gesù Escudé).[2]

Dubois affidò la formazione delle donne alle monache dell'Ordine del Verbo Incarnato e del Santissimo Sacramento e il 23 settembre 1866 consegnò loro l'abito religioso nella cappella del loro monastero di Lione.[2] Il gruppo partì per Galveston due giorni dopo: le monache di Lione continuarono ad ammettere postulanti e a inviarle in Texas.[3]

Il 1º aprile 1867 le suore aprirono la St. Mary's Infirmary, il primo ospedale cattolico del Texas. Due delle prime tre suore della congregazione, la Mathelin e la Escudé, si ammalarono assistendo gli ammalati durante un'epidemia e morirono nel 1867. La congregazione ricevette l'approvazione definitiva della Santa Sede nel 1916.[3]

A causa della scarsità delle vocazioni negli Stati Uniti, le religiose della congregazione vennero a lungo reclutate in Francia, Germania e Irlanda: poiché dalle scuole potevano giungere vocazioni, nel 1948 le suore dell'istituto iniziarono a dedicarsi particolarmente all'istruzione e tale forma di apostolato si aggiunse a quella originale dell'assistenza a orfani e ammalati. Nel 1963 la congregazione si aprì all'attività missionaria aprendo una casa in Guatemala.[3]

Da una casa fondata a San Antonio nel 1866 si sviluppò un ramo autonomo della congregazione, che si diffuse rapidamente anche in Messico e che ottenne il pontificio decreto di lode il 26 aprile 1905.[4]

Attività e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Le suore della congregazione si dedicano ad attività educative e socio-sanitarie.

Oltre che negli Stati Uniti d'America, le suore della congregazione di Galveston sono presenti in El Salvador, Guatemala, Irlanda, Kenya;[5] la sede generalizia è a Houston.[1]

Alla fine del 2008 la congregazione di Houston contava 176 suore in 41 case.[1]

La congregazione di San Antonio è presente in Guatemala, Irlanda, Messico, Perù, Zambia.[6] L'istituto, nel 2008, contava 388 suore in 127 case.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Ann. Pont. 2010, p. 1686.
  2. ^ a b G. Rocca, DIP, vol. II (1975), col. 389.
  3. ^ a b c G. Rocca, DIP, vol. II (1975), col. 390.
  4. ^ G. Rocca, DIP, vol. II (1975), col. 391.
  5. ^ Ministries. URL consultato il 15 novembre 2011.
  6. ^ Where we are. URL consultato il 15 novembre 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Annuario Pontificio per l'anno 2010, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2010. ISBN 978-88-209-8355-0.
  • Guerrino Pelliccia e Giancarlo Rocca (curr.), Dizionario degli Istituti di Perfezione (DIP), 10 voll., Edizioni paoline, Milano 1974-2003.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo