Strokkur

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 64°18′47″N 20°18′02″W / 64.313056°N 20.300556°W64.313056; -20.300556

Strokkur

Strokkur (il cui significato in lingua islandese è "zangola") è un geyser situato nella regione geotermica nei pressi del fiume Hvítá in Islanda, e precisamente nella parte sud-occidentale del Paese, a est della capitale Reykjavik. È uno dei più famosi geyser islandesi ed erutta regolarmente ogni circa 4-8 minuti.

Ubicazione[modifica | modifica wikitesto]

Strokkur fa parte di un sito geotermicamente attivo in cui vi sono molti stagni fangosi, depositi di alghe e diversi altri geyser, tra cui il famoso Geysir.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'attività di Strokkur ha inizio nel 1789 in seguito a un terremoto, come l'intero fenomeno dei geyser. Strokkur continuò a eruttare fino al 1896, quando un altro terremoto bloccò la condotta d'acqua del geyser stesso. Quindi, nel 1963, gli abitanti della zona ripulirono la condotta sbloccandola e il geyser poté quindi tornare a eruttare regolarmente.[1]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Il geyser Strokkur è famoso in tutta l'Islanda e attrae regolarmente molti turisti.Esso è uno dei pochi geyser naturali che erutta con una frequenza regolare.[2]

Sequenza dell'eruzione[modifica | modifica wikitesto]

L'acqua presente alla profondità di 23 metri ha una temperatura di circa 120 °C, ma non può trasformarsi allo stato gassoso a causa dell'elevata pressione, dovuta alla massa d'acqua sovrastante. Quando quest'acqua raggiunge i 16 metri di profondità, un certo quantitativo può raggiungere il punto di ebollizione e ciò induce la reazione a catena che vediamo. La diminuzione di pressione permette l'ebollizione di un maggiore quantitativo di acqua e la sua conversione in vapore: ciò consente all'acqua non ancora trasformata in vapore di uscire dal condotto. Questo fenomeno avviene sempre più vicino alla superficie e con velocità crescente, fino a quando la miscela di acqua e vapore fuoriesce dal geyser.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) James Luhr, Earth, Doring Kindersly, 2003, ISBN 1-4053-0018-3.
  2. ^ Strokkur e Geysir, randburg.com. URL consultato il 28-10-2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Islanda Portale Islanda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Islanda