Statualità del diritto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La statualità del diritto è un concetto di filosofia del diritto elaborato dal giurista tedesco Ihering. Secondo tale studioso, una norma acquisisce un effetto giuridico in quanto elaborata da uno Stato. Ciò in quanto lo Stato è l'unico titolare del potere di irrogare un sanzione volta a colpire l'inadempimento, da parte di un soggetto, della violazione del precetto della norma stessa.[1]

Tale teoria ha subito delle obiezioni da parte della scuola sociologica del diritto, fondate sul fatto che non tutte le norme giuridiche sono accompagnate da una sanzione. Proprio per questo motivo, questo tipo di norme giuridiche venivano accettate dalla comunità in quanto facenti parte di un sentimento comune.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto