Spazio delle chiavi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In crittografia lo spazio delle chiavi di un algoritmo indica l'insieme di tutte le possibili chiavi che possono essere utilizzate per inizializzarlo. Ad esempio, se un algoritmo lavora usando una chiave che è una stringa di 10 bit, allora il suo spazio delle chiavi è l'insieme di tutte le stringhe binarie di lunghezza 10 (2^10 possibili chiavi).

Per evitare che gli attaccanti possano recuperare la chiave utilizzando un attacco a forza bruta, lo spazio delle chiavi è in genere progettato per essere estremamente vasto. Lo spazio delle chiavi deve inoltre essere piatto (o flat, secondo la terminologia inglese), vale a dire che non deve avere (o deve averne pochissime) chiavi deboli.

Esempi[modifica | modifica sorgente]

Il cifrario a blocchi Rijndael (o AES) utilizza una chiave lunga fino a 256 bit, con il risultato che lo spazio delle chiavi è composto da più di 1,1579 × 1077 chiavi. Questo comporta il fatto che è computazionalmente impossibile controllare con la forza bruta tutte le possibili chiavi.

Nel cifrario a blocchi DES viene usata una chiave di 56 bit, con il risultato che le possibili chiavi sono solo 256, quindi uno spazio delle chiavi calcolabile interamente in termini di giorni (il progetto EFF DES cracker recupera una chiave DES in meno di 1 giorno).

Il cifrario ROT13 è usato soltanto per evitare che le persone leggano accidentalmente alcuni messaggi (ad esempio la trama di un film o la soluzione di un enigma). Dato che non c'è nessuna chiave (il ROT13 è un cifrario monoalfabetico), lo spazio delle chiavi è conseguentemente vuoto.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Crittografia Portale Crittografia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Crittografia