Sintesi additiva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Disambigua compass.svg A questo titolo corrispondono più voci, di seguito elencate.
Questa è una pagina di disambiguazione; se sei giunto qui cliccando un collegamento, puoi tornare indietro e correggerlo, indirizzandolo direttamente alla voce giusta. Vedi anche le voci che iniziano con o contengono il titolo.

Una sintesi additiva, in fisica consiste nella somma di onde fondamentali con ottenimento di una risultante complessa, coerentemente con la Serie di Fourier, che in matematica offre una rappresentazione di una funzione periodica mediante una combinazione lineare di funzioni sinusoidali, concetti praticamente applicabili ad esempio in elettronica e in acustica.

Acustica[modifica | modifica wikitesto]

  • sintesi additiva – in acustica ed elettronica applicata al sonoro è una tecnica di sintesi, utilizzata ad esempio nei sintetizzatori musicali, che crea timbriche, quindi forme d'onda comunque complesse, sommando insieme singole onde, generalmente sinusoidali.

Ottica[modifica | modifica wikitesto]

  • sintesi additiva – in teoria del colore e in ottica, la mescolanza additiva di due o più stimoli di colore, nota anche come miscela additiva, è la somma di stimoli di colore, separati o meno nello spazio e nel tempo che provoca la sensazione visiva data dalla risultante cromatica, pur senza ottenere alcuna interferenza tra i due fasci cromatici, che continuano ad essere lunghezze d'onda distinte e separabili tra loro.