Rigatino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il rigatino, o tratteggio, è una tecnica utilizzata in alcune tipologie di restauro, messa a punto a Roma dall'Istituto Centrale per il Restauro negli anni 1940, consistente nel trattare la superfici "aggiunte" per reintegrare un manufatto artistico o architettonico (dipinti, affreschi, superfici murarie..) attraverso una trama rigata.[1]

Lo scopo della tecnica del "rigatino" è quello di rendere possibile la leggibilità delle parti aggiunte all'opera oggetto di restauro, rispettando così i moderni criteri di distinguibilità. Tuttavia, tale tecnica, essendo rivolta al solo trattamento delle superfici apportate, non va ad ostacolare la veduta d'insieme del manufatto artistico o architettonico, che viene percepito nella sua unità volumetrica e stilistica.

Per la prima volta praticato a Viterbo nella chiesa di Santa Maria della Verità nella cappella Mazzatosta situata a piazza Crispi

Note[modifica | modifica wikitesto]