Retinatura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La retinatura è una tecnica fotografica utilizzata nell'industria grafica per simulare a stampa le variazioni chiaroscurali tipiche delle fotografie tradizionali.

Questo artifizio è utilizzato in quanto, qualsiasi processo di stampa, utilizza inchiostro di un solo colore (in genere nero) per riprodurre su carta i grafismi contenuti sulla forma. Il solo inchiostro nero non è quindi in grado di riprodurre da solo nessuna variazione chiaroscurale. Per permettere la modellazione tonale che un'immagine contiene, occorre quindi «ricostruire» l'immagine sotto forma di puntini equidistanti e di dimensione variabile. Ciò in funzione del livello di grigio che si vuole ottenere. L'insieme dei puntini costituenti l'immagine stampata vengono riprodotti sul supporto cartaceo con inchiostro nero o colorato. Di conseguenza, per contrasto con la carta questi ultimi fanno percepire al nostro occhio l'effetto fotografico che tutti conosciamo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]