Principio di differenziazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il principio di differenziazione, nel campo del diritto amministrativo, stabilisce che nell'attribuzione di una funzione amministrativa ai diversi livelli di enti di governo (comuni-province-città metropolitane-regioni-stato) si debbano considerare le caratteristiche relative alle rispettive capacità di governo degli enti amministrativi riceventi; queste sono caratteristiche demografiche, territoriali, associative, strutturali che possono variare anche in misura notevole nella realtà del paese.

Il principio di differenziazione è citato nell'ordinamento italiano all'art. 118 della Costituzione, così come rinnovato dalla Legge Costituzionale 3/2001 per la Riforma del Titolo V della Costituzione, unitariamente al sussidiarietà e al principio di adeguatezza. Il principio di sussidiarietà fu già introdotto dalla L. 59/1997 (Legge Bassanini).