Peaky Blinders

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Peaky Blinders
Peaky Blinders 2013.png
Immagine tratta dalla sigla della serie televisiva
PaeseRegno Unito
Anno2013 – in produzione
Formatoserie TV
Generedrammatico, gangster, in costume
Stagioni4 Modifica su Wikidata
Episodi24 Modifica su Wikidata
Durata60 min (episodio)
Lingua originaleinglese
Rapporto16:9
Crediti
IdeatoreSteven Knight
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Casa di produzioneCaryn Mandabach Productions, Tiger Aspect Productions
Prima visione
Prima TV originale
Dal12 settembre 2013
Alin corso
Rete televisivaBBC Two
Distribuzione in italiano
Dal22 ottobre 2015
Alin corso
DistributoreNetflix

Peaky Blinders è una serie televisiva britannica di genere drammatico, creata da Steven Knight, ambientata dopo la prima guerra mondiale.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia inizia nel 1919 nella povertà della Birmingham del primo dopoguerra dove tutti lottano per sopravvivere ad un periodo particolarmente difficile dal punto di vista storico ed economico. La storia è ambientata nel quartiere di Small Heath e si focalizza particolarmente sulla famiglia Shelby, il cui capofamiglia è anche il boss della gang detta "Peaky Blinders", dall'usanza di nascondere una lametta nel risvolto dei cappelli, in modo tale da poterla utilizzare anche come arma.

La leadership di Tommy Shelby è messa a dura prova dall'arrivo in città da Belfast dello spietato poliziotto Campbell, deciso a ripulire il marcio e la delinquenza a tutti i costi, e da una donna, Grace Burgess, dal passato misterioso.

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

  • Thomas "Tommy" Shelby (stagione 1-in corso), interpretato da Cillian Murphy
  • Chester I. Campbell (stagioni 1-2), interpretato da Sam Neill
  • Polly Gray, nata Shelby (stagione 1-in corso), interpretata da Helen McCrory
  • Arthur Shelby jr. (stagione 1-in corso), interpretato da Paul Anderson
  • Ada Thorne, nata Shelby (stagione 1-in corso), interpretata da Sophie Rundle
  • John Shelby (stagione 1-4), interpretato da Joe Cole
  • Esme Shelby, nata Lee (stagione 1-in corso), interpretata da Aimee-Ffion Edwards
  • Freddie Thorne (stagione 1), interpretato da Iddo Goldberg
  • Grace Burgess (stagione 1-3), interpretata da Annabelle Wallis
  • Alfie Solomons (stagione 2-in corso), interpretato da Tom Hardy
  • Derby Sabini (stagione 2), interpretato da Noah Taylor
  • May Carleton (stagione 2), interpretata da Charlotte Riley
  • Michael Gray (stagione 2-in corso), interpretato da Finn Cole, è il figlio biologico di Polly Gray
  • Lizzie Starke (stagione 1-in corso), interpretata da Natasha O'Keeffe, è un'ex-prostituta che lavora come segretaria per Tommy.
  • Charlie Strong (stagione 1-in corso), interpretato da Ned Dennehy
  • Winston Churchill (stagione 1-in corso), interpretato da Andy Nyman (stagione 1) e Richard McCabe (stagione 2)
  • Roberts (stagione 1), interpretato da David Dawson
  • Billy Kimber (stagione 1), interpretato da Charlie Creed-Miles
  • Padre John Hughes (stagione 3), interpretato da Paddy Considine
  • Ruben Oliver (stagione 3), interpretato da Alexander Siddig

Ricorrenti[modifica | modifica wikitesto]

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV originale Pubblicazione Italia
Prima stagione 6 2013 2015[1]
Seconda stagione 6 2014 2016
Terza stagione 6 2016 2017
Quarta stagione 6 2017 inedita

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie ha debuttato al Festival Internazionale del Cinema di Edimburgo a giugno 2013, dove sono stati mostrati i primi due episodi al pubblico. La première della terza stagione è avvenuta il 5 maggio 2016, dopo oltre un anno dalla fine della seconda.[2][3]La BBC ha confermato l'uscita della quarta stagione il 15 Novembre 2017 sul canale BBC Two.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Netflix in Italia: il catalogo, su IGN Italia. URL consultato il 22 ottobre 2015.
  2. ^ Peaky Blinders back with new trailer, su The Week UK. URL consultato il 17 aprile 2016.
  3. ^ Peaky Blinders on Twitter, su Twitter. URL consultato il 21 aprile 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione