Paraschiena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paraschiena per motociclisti "CB" Central Back Protector, del tipo morbido e omologato livello 2

Con il termine paraschiena si indica la protezione usata prevalentemente dai motociclisti (anche se sta prendendo piede anche in altri settori come quello sciistico o quello snowboardistico) onde evitare lesioni spinali.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Può essere composto in due modi:

  • Gusci rigidi incernierati tra loro: esternamente composti da gusci rigidi di plastica PP o TPU che permette di distribuire l'energia su una superficie maggiore, internamente possono avere vari strati per garantire l'assorbimento dell'impatto (come il polistirene espanso) e confort ed eventualmente anche la traspirazione, i gradi di libertà variano dal modello, il primo grado di libertà garantito è la flessione in avanti, per i modelli più evoluti viene garantito anche la flessione laterale e torsione.
  • Materiale assorbente flessibile: formato da una schiuma poliuretanica a memoria di forma come può essere la composizione in gomma Nitrile e Polynorbornene.

Inoltre possono essere realizzati in due varianti

  • Inserto: la protezione deve essere alloggiata in una specifica tasca del giubbetto o tuta da moto
  • Bretellato: la protezione va indossata e rimane ferma grazie alle bretelle

Funzione[modifica | modifica wikitesto]

Tale protezioni devono proteggere la schiena, costato e gli ornai interni dall'urto, protegge maggiormente dall'abrasione e calore da essa generata, non riescono a proteggere la schiena da colpi che la fanno estroflettere all'indietro per via delle mobilità che devono garantire al guidatore durante le sue manovre, questo rende la protezione parziale in quanto parte delle lesioni spinali derivanti da incidenti su due ruote non sono dovute tanto dall'impatto in sé ma dall'innaturale inarcamento della schiena all'indietro.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]