Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Papiro 75

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Papiro 75
Manoscritto del Nuovo Testamento
Papyrus 75a.gif
NomePapiro Bodmer XIV-XV
TestoVangelo secondo Luca 3:18-24:53, Vangelo secondo Giovanni 1-15
Datazione175-225
Scritturagreca
RitrovamentoPabau, Egitto
ConservazioneBiblioteca Apostolica Vaticana, Roma
Editio princepsV. Martin, R. Kasser, Papyrus Bodmer XIV-XV
Dimensione26 cm x 13 cm
Tipo testualealessandrino
CategoriaI
Notamolto simile a P66, B, 0162; manca della descrizione dell'agonia di Gesù al Getsemani e della pericope dell'adultera

Il Papiro 75 (75; Papiro Bodmer XIV-XV) è un antico papiro del Nuovo Testamento. Originariamente «conteneva circa 144 pagine [...] delle quali 102 sono sopravvissute, in tutto o in parte».[1] «Contiene circa metà del testo di [...] due Vangeli»[2] - Vangelo secondo Luca (Papiro Bodmer XIV) e secondo Giovanni (Papiro Bodmer XV) in greco. Nestle-Aland (27ma edizione, NA27) lo data come un manoscritto biblico dell'inizio del III secolo; si tratta dunque di uno dei manoscritti più antichi, assieme al 4,[3] del Vangelo secondo Luca. «Il frammento sopravvissuto contiene Luca 3:18-24:53».[3][4] Contiene anche grosse porzioni di Giovanni 1-15. «Una caratteristica insolita di questo codice è che Luca termina e Giovanni inizia sulla stessa pagina».[5]

Una successiva scoperta di altri frammenti ha incluso nuovi brani fra quelli conservati nel Papiro 75: Luca 4:1-2 e 5:37-39 e Giovanni 11:15-18,31-33, 12:47, 13:10, 14,9-10, 14:26-15,10.[6]

Critica testuale[modifica | modifica wikitesto]

Il manoscritto manca della Pericope dell'adultera (Vangelo secondo Giovanni 8,1-11), come in Codex Sinaiticus, Codex Vaticanus e 66, e dell'episodio dell'agonia di Gesù al Getsemani (Vangelo secondo Luca 22,43-44), come nei codici א*, A, B, T, 1071.[7]

Testo[modifica | modifica wikitesto]

Il testo greco di questo codice è rappresentativo del tipo testuale alessandrino. Kurt Aland lo collocò nella categoria I.[8] Il testo è più simile al Codex Vaticanus che al Codex Sinaiticus; l'accordo tra 75 e il Codex B è del 92% per il Vangelo secondo Giovanni,[9] e del 94% in Luca.[10] Concorda anche col 111.[11]

Secondo Kurt Aland, 75 è la chiave per comprendere la storia testuale primitiva del Nuovo Testamento.[12]

Varianti testuali[modifica | modifica wikitesto]

In Luca 8:21 riporta αυτον invece di αυτους; questa lezione è sostenuta da Minuscolo 705 e dal Codex Veronensis.[13]

In Luca 11:4, la frase «αλλα ρυσαι ημας απο του πονηρου» («ma liberaci dal male») è omessa; questa omissione è sostenuta anche da: Sinaiticus, Vaticanus, Codex Regius, f1, 700, vg, syrs, copsa, bo, arm, geo.[14]

In Luca 16:19 il manoscritto riporta «Ανθρωπος δε τις ην πλουσιος, ονοματι Ν[ιν]ευης, και ενεδιδυσκετο», «C'era un uomo ricco, chiamato N[in]eue, che indossava»,[15] Questa lezione è sostenuta dalla versione copta sahidica e da due manoscritti greci minuscoli, 36 e 37, oltre ad uno scolio di data incerta che riporta «ευρον δε τινες και του πλουσιου εν τισιν αντιγραφοις τουνομα Νινευης λεγομενον».[16]

Luca 22:43-44, l'agonia di Gesù al Getsemani, è omesso, come nei codici א*, A, B, T, 1071.[7]

In Luca 23:34, 75 omette le parole «E Gesù disse: Padre perdonali, non sanno quello che fanno», omissione sostenuta dai manoscritti Sinaiticusa, B, D*, W, Θ, 070, 1241, ita, d, syrs, copsa, copbo.[17]

In Luca 24:26 la maggioranza dei manoscritti riporta «δοξαν», mentre 75 riporta «βασιλειαν».[18]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Metzger e Ehrman (2005), p.58
  2. ^ "Bodmer Papyrus 14-15 arrives at the Vatican"
  3. ^ a b Gregory (2003), p. 28
  4. ^ Wilker
  5. ^ Edwards (1976), p. 194
  6. ^ Marie-Luise Lakman, "Papyrus Bodmer (P 75): Neue Fragmente", Museum Helveticum, 64 (2007), pp. 22-41.
  7. ^ a b UBS3, p. 305.
  8. ^ Kurt Aland, Barbara Aland, "The Text Of The New Testament: An Introduction to the Critical Editions and to the Theory and Practice of Modern Textual Criticism", traduttore Erroll F. Rhodes, William B. Eerdmans Publishing Company, Grand Rapids, Michigan, 1995, p. 101.
  9. ^ S. A. Edwards, «P75 Under the Magnifying Glass», Novum Testamentum, XVIII, fasc. 3, pp. 211-212.
  10. ^ Gordon D. Fee, «75, 66, and Origen: THe Myth of Early Textual Recension in Alexandria», in: E. J. Epp & G. D. Fee, Studies in the Theory & Method of NT Textual Criticism, Wm. Eerdmans (1993), pp. 247-273.
  11. ^ Philip W. Comfort, Encountering the Manuscripts. An Introduction to New Testament Paleography & Textual Criticism, Nashville, Tennessee: Broadman & Holman Publishers, 2005, p. 76.
  12. ^ Reconsidering 75 in the Frame of a Various Egyptian Tradition
  13. ^ NA26, p. 181.
  14. ^ UBS3, p. 256.
  15. ^ Philip Comfort, The Text of the Earliest New Testament Greek Manuscripts (2001), p. 551.
  16. ^ Bruce M. Metzger, The Early Versions of the New Testament: Their Origin, Transmission and Limitaitons, Clarendon Press: Oxford 1977, p. 136.
  17. ^ UBS4, p. 311.
  18. ^ NA26, p. 244

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Immagini