Palazzo di Giustizia (Arezzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palazzo di Giustizia di Arezzo
Arezzo courthouse1.JPG
Vista laterale
Ubicazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
LocalitàArezzo
IndirizzoPiazza Falcone e Borsellino 1
Coordinate43°27′48.36″N 11°53′30.93″E / 43.463434°N 11.891926°E43.463434; 11.891926Coordinate: 43°27′48.36″N 11°53′30.93″E / 43.463434°N 11.891926°E43.463434; 11.891926
Informazioni
CondizioniIn uso
Costruzione2003-2008
Inaugurazione16 febbraio 2008
UsoTribunale
Area calpestabile30.000 m²
Realizzazione
Costo€ 14.000.000
ArchitettoManfredi Nicoletti

Il nuovo Palazzo di Giustizia di Arezzo, è un palazzo situato in Piazza Falcone e Borsellino 1, sede del tribunale di Arezzo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Progettato dall'architetto Manfredi Nicoletti, si articola in due volumi. Il primo, preesistente, è l'edificio dell'ex-Ospedale Sanatoriale Antonio Garbasso, sottoposto a restauro conservativo. Esso ospita la maggior parte degli uffici giudiziari. Il secondo volume è stato progettato ex novo e accoglie il garage, gli archivi, una grande hall a più livelli, due grandi aule a doppia altezza, una serie di uffici e la sala stampa, oltre ai relativi servizi.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

L'impianto planimetrico è basato su un'ellisse, sezione di cono con vertice inclinato rispetto all'asse verticale dell'edificio. La parete nord a conca in granito segue la curvatura della superficie del cono, ma il suo rivestimento esterno è realizzato attraverso una serie di lastre piane di identica dimensione. La parete sud è formata da due superfici liberamente ondulate, ma, poiché queste curve complesse derivano da sistemi rigati, sono realizzate attraverso elementi semplici: pilastri rettilinei in acciaio disposti ognuno secondo una diversa inclinazione, che sostengono elementi di raccordo piani modulari in acciaio, tutti rettilinei.

Il progetto è legato ad alcune metafore: il rapporto con le antiche mura della città, la fragilità apparente di una foglia.

Il progetto del Nuovo Edificio porta ed espressione architettonica due fondamentali principi della bioclimatica: il raffrescamento e il riscaldamento passivo. La scelta compositiva è indirizzata verso una facciata più protetta a nord ed una più aperta a sud per consentire un miglior controllo climatico e quindi un abbattimento dei costi energetici.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002 il palazzo riceve il Premio Internazionale IAA per il miglior edificio del 2002[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]