Palazzo da Mula

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Palazzo Da Mula)
Jump to navigation Jump to search
Palazzo da Mula
Palazzo da Mula.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto
LocalitàVenezia
IndirizzoMurano
Coordinate45°27′21.4″N 12°21′06.2″E / 45.455944°N 12.351722°E45.455944; 12.351722Coordinate: 45°27′21.4″N 12°21′06.2″E / 45.455944°N 12.351722°E45.455944; 12.351722
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXII secolo
Usosede degli uffici dell'anagrafe
Pianitre

Il Palazzo da Mula è un edificio storico ubicato a Murano (Venezia).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo presenta sulla facciata formelle, patere ed altri motivi incastonati, molto anteriori al Quattrocento che, nel complesso, formano il carattere dell'arte ogivale veneziana.

Quest'arte è espressa specialmente nelle aperture laterali del piano terreno, negli stipiti della porta, negli archi inflessi della loggia, come anche nelle finestre del piano nobile, nei fori circolari a disegni, nei contorni a doppi dentelli che racchiudono le principali aperture.

Il tabernacolo con statuette, sopra le finestre, ricorda la decorazione sovrapposta alla loggia maggiore del Palazzo Gritti Badoer a San Giovanni in Bragora.

I capitelli della loggia appartengono al periodo rinascimentale, mentre gli scudi con cimieri e lambrecchini furono scolpiti verso la metà del Cinquecento; al palazzo è annesso il cortile.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima costruzione di Palazzo Da Mula è databile al XII secolo. La struttura cinquecentesca e seicentesca del palazzo è riconducibile alla famiglia Da Mula, che aveva acquisito il palazzo dalla famiglia aristocratica dei Diedo nel 1621. I Da Mula risiedettero in questo palazzo sino al 1712 quando, venne affittato alla famiglia aristocratica di Giacomo Fontanella, membro della nuova aristocrazia dei maestri vetrai, per una somma di 110 ducati. La proprietà passò poi al figlio di Giacomo, Zuanne Fontanella.

L'edificio è oggi sede distaccata della Municipalità di Venezia-Murano-Burano e ospita gli uffici dell'anagrafe. Il piano nobile è utilizzato per numerose attività culturali.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pietro Paoletti di Osvaldo L'architettura e la scultura del Rinascimento in Venezia, Venezia, Ongania-Naya Editori, Anno MDCCCXCIII

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]