Organismo di vigilanza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un organismo di vigilanza, nella legge italiana, indica un organo che vigili sulla responsabilità degli enti, per reati commessi nell'interesse o vantaggio a favore di questi ultimi.

Previsto dall'art. 6, comma 1, lett. b) del d.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, il contetto deriva da disposizioni dell'Unione europea e si rifà ai Compliance programme di stampo anglosassone.[senza fonte]

Funzioni[modifica | modifica wikitesto]

Se l'ente non vuole essere colpito da queste sanzioni deve dotarsi di un MOG modello di organizzazione e controllo per la prevenzione dei reati previsti dal decreto, di un codice disciplinare e di un soggetto indipendente di controllo e verifica (l'organismo di vigilanza).

Tale ultimo soggetto (monocratico o collettivo) deve vigilare sul funzionamento e sull'osservanza del modello (incluso l'aggiornamento) e deve disporre di poteri di iniziativa e controllo (autonomia).

Anche in tempi successivi alla contestazione di un reato il MOG può esser implementato e permette all'ente (ove il giudice verifichi che questo è idoneo e correttamente attuato) di ridurre le sanzioni previste in proporzione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberto Pesenato - Elisa Pesenato "̈Organismo di Vigilanza ex D.Lgs. 231/2001" - IPSOA, Manuali Operativi, VI edizione 2016 - ISBN 978-88-217-5286-5

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]