Offese al pudore e all'onore sessuale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Offese al pudore)

Nell'ordinamento giuridico italiano, le disposizioni in tema di offese al pudore e all'onore sessuale sono contenute negli articoli 527-538 del codice penale, raggruppati nel Capo II, Titolo VIII, Libro II.

Oltre al reato di atti osceni sono puniti come ipotesi autonome di reato anche le pubblicazioni e spettacoli osceni. I reati connessi con la prostituzione. (art. 531- 537) sono stati sostituiti dalla specifiche disposizioni della legge 20 febbraio 1958, n 75.

La nuova coscienza giuridica ha portato ad un ridimensionamento del concetto di offese al pudore con uno spostamento dell'attenzione del bene protetto.

La Corruzione di minorenni, prevista originariamente dall'art 530, è stata ora ricompresa nei delitti contro la libertà personale per effetto dell'art. 1 della legge 15 febbraio 1966, n. 66, ed ha assunto la numerazione 609 quinquies.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Ernesto Pietriboni, La tutela giuridica penale del pudore nell'opera d'arte, Venezia, Tip. Carlo Ferrari, 1933.

Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto