Numero composto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I numeri composti non sono numeri primi

4, 6, 8, 9, 10, 12, 14, 15, 16, 18, 20, 21, 22, 24, 25, 26, 27, 28, 30, 32, 33, 34, 35, 36, 38, 39, 40, 42, 44, 45, 46, 48, 49, 50, 51, 52, 54, 55, 56, 57, 58, 60, 62, 63, 64, 65, 66, 68, 69, 70, 72, 74, 75, 76, 77, 78, 80, 81, 82, 84, 85, 86, 87, 88, 90, 91, 92, 93, 94, 95, 96, 98, 99, 100, 102, 104, 105, 106, 108, 110, 111, 112, 114, 115, 116, 117, 118, 119, 120, 121, 122, 123, 124, 125, 126, 128, 129, 130, 132, 133, 134, 135, 136, 138, 140.[1]

Esistono anche interi che sono né primi né composti; 1, infatti, non è tecnicamente un numero primo, ma non è neppure un numero composto: si preferisce a volte definirlo unità, in modo da affermare la validità del teorema fondamentale dell'aritmetica per tutti i valori che non siano unità, lasciando la possibilità di applicarlo anche su strutture algebriche diverse da  \mathbb{N} , come ad esempio gli interi di Gauss. Allo stesso modo, anche 0 non è né primo né composto.

Ci sono generi differenti di numeri composti, classificabili dal numero e dal genere di fattori primi.

Alcuni numeri composti sono prodotti di quadrati, o sono quadrati essi stessi: la loro funzione di Möbius è 0.

I numeri altamente composti hanno più divisori di qualunque altro numero sotto di loro e, dopo il numero altamente composto quattro, tutti i numeri altamente composti sono prodotti di quadrati.

Dall'altra faccia della medaglia ci sono numeri che, anche se composti, possono essere confusi con numeri primi. Questi sono denominati pseudoprimi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Sequenza A002808 in On-Line Encyclopedia of Integer Sequences, The OEIS Foundation.
matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica