Norma morale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La norma morale è un precetto frutto della coscienza del singolo, riguardante un'azione (da compiere o da omettere). La sua violazione comporta una sanzione afferente la medesima morale (es. rimorso).

Distinzione tra norma morale e norma giuridica[modifica | modifica wikitesto]

La norma morale si differenzia dalla norma giuridica per diversi elementi:

1)Non è posta in essere da una pubblica autorità.

2)Può non essere condivisa dalla collettività, non è detto che ciò che viene ritenuto immorale dal singolo sia qualificato allo stesso modo dalla collettività.

3)La sanzione per la sua violazione riguarda la coscienza del singolo e non è mai affidata ad una pubblica autorità.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Biscaretti Di Ruffia, Introduzione al diritto costituzionale comparato, Milano, 1988.
  • A. Cerri, Istituzioni di diritto pubblico, Milano, 2006.
  • G. Jellinek, La dottrina generale del diritto dello Stato, Milano, 1949.
  • H. Kelsen, Teoria generale del diritto e dello Stato, Milano, 1980.
  • T. Martines, Diritto costituzionale, Milano, 2005.
  • M. Mazziotti Di Celso et G. M. Salerno, Manuale di diritto costituzionale, Padova, 2005.
  • Orlando, Principi di diritto costituzionale, Firenze, 1917.
  • L. Paladin, Diritto costituzionale, Padova, 1998.
  • S. Romano, Principi di diritto costituzionale generale, Milano, 1947.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]