Movimento Buddhista Dalit

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il movimento buddhista dalit (definito come Navayana cioè "nuovo veicolo" da alcuni dei seguaci di B. R. Ambedkar, in relazione ai veicoli storici del buddhismo, Hīnayāna, Mahayana e Vajrayana[1]) è un movimento di rinascita buddhista in India datato XIX-XX secolo, di scuola Theravada. Ha ricevuto il suo più consistente impulso proprio dall'opera svolta da Ambedkar col suo appello per la conversione dei dalit al Buddhismo; questo per sfuggire ad una società basata su una forte imposizione castale che li considerava il più basso elemento nella gerarchia della popolazione in generale[2].

Riemergere del buddhismo in India[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Omvedt, Gail. Buddhism in India : Challenging Brahmanism and Caste. 3rd ed. London/New Delhi/Thousand Oaks: Sage, 2003. pages: 2, 3–7, 8, 14–15, 19, 240, 266, 271
  2. ^ Thomas Pantham, Vrajendra Raj Mehta, Vrajendra Raj Mehta,, Political Ideas in Modern India: thematic explorations, Sage Publications, 2006, ISBN 0-7619-3420-0.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Buddhismo Portale Buddhismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Buddhismo