Mosca bianca (espressione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Una mosca bianca è, secondo una comune metafora della lingua italiana, una persona o un oggetto con caratteristiche particolari rispetto ai suoi simili, che lo rendono un caso estremamente raro.[1] La metafora viene anche usata con una specifica connotazione positiva, a indicare che il soggetto è un caso raro per le qualità o i pregi che possiede, all'opposto dell'espressione "pecora nera" che invece ha una connotazione negativa[2].

L'espressione si riferisce al fatto che le mosche comuni sono nere o di colore scuro e vederne una bianca sarebbe un fatto straordinario.

Altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Si incontrano frequentemente espressioni analoghe con lo stesso significato nelle altre lingue, ad esempio lo spagnolo perro verde[3] ("cane verde"), il francese mouton à cinq pattes[4] ("pecora a cinque zampe"), il tedesco weißer Rabe[5] ("corvo bianco"), l'inglese black swan[6] ("cigno nero").

Espressioni simili[modifica | modifica wikitesto]

In italiano vengono usate altre espressioni simili nel concetto. Una è "più unico che raro". Si prende anche a prestito l'espressione latina rara avis ("uccello raro").

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mosca, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  2. ^ Valeria Della Valle e Giuseppe Patota, L'italiano in gioco, Sperling & Kupfer, pp. 23-24.
  3. ^ Yahoo
  4. ^ Traduzione mosca bianca francese | Dizionario italiano-francese | Reverso
  5. ^ https://browse.dict.cc/italienisch-deutsch/essere+raro+come+una+mosca+bianca.html
  6. ^ Yahoo