Misopogon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Misopogon
Titolo originale Μισοπώγων
Autore Giuliano
1ª ed. originale 361-362
Genere satira
Lingua originale greco antico

Misopogon (dal greco: Il nemico della barba) è una satira composta dall'imperatore romano Giuliano.

La satira, composta durante la permanenza di Giuliano ad Antiochia di Siria tra l'autunno 361 e il marzo 362, fu una risposta dell'imperatore alle critiche giuntegli dalla popolazione antiochena: Giuliano era pagano e praticava una vita austera, mentre gli antiocheni, per lo più cristiani, erano molto più mondani; per questo motivo, vennero composti dei versi anapestici che dileggiavano l'imperatore, colpendo particolarmente la barba, che Giuliano, imperatore versato negli studi filosofici, portava.

Nella satira Giuliano finge di colpire sé stesso e la propria barba per colpire in realtà gli antiocheni, ma non riesce ad evitare di attaccarli direttamente in alcuni punti.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]