Matt Murphy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Matt Murphy
MattMurphyNYC.jpg
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereBlues
Periodo di attività musicale1948 – 2018
Strumentochitarra

Matthew Tyler Murphy, noto come Matt Guitar Murphy (Sunflower, 29 dicembre 1929Miami, 15 giugno 2018), è stato un chitarrista blues statunitense, famoso per aver suonato nella "The Blues Brothers" band, e per aver intrepretato se stesso negli omonimi film di John Landis del 1980 e del 1998.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Sunflower, cittadina del Mississippi (Stati Uniti d'America) ma, a causa della Grande Depressione, la famiglia si dovette trasferire a Memphis (Tennessee), dove il padre lavorò per il Peabody Hotel. Qui, cominciò a suonare la chitarra già da bambino, tanto che, a soli 19 anni, decise di trasferirsi a Chicago, dove entrò a far parte della appena nata blues band di Howlin' Wolf, dove cantava anche un giovane bluesman, Junior Parker.

Il successo arrivò immediatamente, tanto che gli anni cinquanta videro numerose tourneé tra l'Illinois e il Tennessee con la Howlin' Wolf band, ma anche collaborazioni con il gruppo di Memphis Slim. Nel 1963, durante il Folk Blues Festival tour americano in Europa, compose il suo celebre brano "Matt's Guitar Boogie", dove i suoi virtuosismi gli diedero l'appellativo di Matt "Guitar". Gli anni anni sessanta videro inoltre numerose collaborazioni musicali con artisti quali Ike Turner, James Cotton, Otis Rush, Etta James, Sonny Boy Williamson II, Chuck Berry, Joe Louis Walker, Frank Zappa.

The Blues Brothers[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1978, grazie agli spettacoli televisivi del Saturday Night Live, si unì al duo comico musicale The Blues Brothers, fondato da John Belushi e Dan Aykroyd. Da questa collaborazione, nacque il celebre film omonimo di John Landis del 1980, dove Matt interpretò il marito della cantante Aretha Franklin e se stesso come chitarrista. Lo stesso farà nel film Blues Brothers: Il mito continua del 2000.

Anni recenti[modifica | modifica wikitesto]

Un infarto nel 2003 arrestò la sua carriera musicale, tuttavia egli si riprese e fece nuove apparizioni pubbliche, tra le più note al "Chicago Blues Festival" del 2010 e all'"Eric Clapton Crossroads Guitar Festival", al Madison Square Garden di New York City, nel 2013.

La chitarra elettrica di Matt è la Cort, modello a lui dedicato "MGM-1", con legno in agathis e manico in mogano, ma in passato usò spesso anche la Gibson SG, che si vede utilizzare con i Blues Brothers.

È morto il 15 giugno 2018.[1]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Solista[modifica | modifica wikitesto]

  • Way down south (1990)
  • The blues don't bother me! (1996)
  • Lucky Charm (2001)

Blues Brothers[modifica | modifica wikitesto]

Studio & live[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ È morto venerdì Matt "Guitar" Murphy, chitarrista dei Blues Brothers - Il Post, in Il Post, 18 giugno 2018. URL consultato il 18 giugno 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN49408944 · ISNI (EN0000 0001 1461 0836 · LCCN (ENn92022236 · GND (DE134625722 · BNF (FRcb138978101 (data)