Mater semper certa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mater semper certa è una locuzione latina, la cui traduzione è "La madre è sempre certa" (cioè conosciuta definitivamente). Può essere completata da pater autem incertus oppure pater numquam.

In diritto[modifica | modifica wikitesto]

In diritto è molto più semplice collegare la nascita di un figlio a una madre solo per il fatto naturale del parto. Per il padre invece, nonostante le innovative tecniche di comparazione del sangue e del dna, opera una presunzione di paternità di trecento giorni.

Se per esempio avviene una separazione tra due coniugi e questi non vivono più assieme, un figlio nato trecento giorni dopo tale momento (il giorno della separazione fisica dei due) non si presume legato al marito.

Dal 1978, anno in cui ci fu la prima fecondazione in vitro, il principio del "mater semper certa" non viene più applicato perché un bambino può avere una madre genetica diversa da quella che l'ha partorito.