Marco Mazzoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo calciatore italiano, vedi Marco Mazzoli (calciatore).

Marco Mazzoli (Milano, 20 ottobre 1972) è un conduttore radiofonico italiano naturalizzato statunitense.

È noto per la conduzione del programma radiofonico Lo Zoo di 105, ideato da lui e trasmesso dall'emittente Radio 105.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver trascorso l'infanzia a Los Angeles, dove il padre Claudio ha lavorato come Art Director per la Walt Disney, ha iniziato la sua carriera a metà degli anni ottanta partendo in radio locali della Lombardia, come Rovaradio Alta Brianza, Como Radio City, Radio Sei Milano, Radio Kelly Milano, Radio Play Rta, Radio Delta International e Radio Lombardia.

Dal 1993 al 1995 ha lavorato per RTL 102.5, Radio Capital (1995-1996) in coppia con Dj Angelo, poi a Station One (1996-1998) con Dj Monta Mix e Wender. In quest'ultima esperienza radiofonica Mazzoli ha iniziato a dar vita a situazioni radiofoniche come la Bastard Inside Line oppure a giochi come Muggisci e vinci.

Nel 1998 ha iniziato la collaborazione con Radio 105, dove ha condotto un programma trasmesso nei fine settimana; passato alla sede di New York, inaugurata nei primi mesi del 1999, ha condotto per 6 mesi 105 New York con Camila Raznovich.

Rientrato dagli Stati Uniti, ha ideato e condotto Lo Zoo di 105, inizialmente in onda dalle 16 alle 18, per poi passare nella fascia dalle 7 alle 10 del mattino. Nel maggio del 2002 Mazzoli apre una puntata dello Zoo insultando l'allora suo tecnico Gibba. Il programma viene sospeso per circa due mesi per poi ricomparire in onda dalle 12 alle 14. Nell'ottobre dello stesso anno il programma viene spostato dalle 14 alle 16, orario che ricopre tuttora.

Il 12 agosto 2006 è partito assieme ad altri 5 italiani per la missione Uno Zoo in fuga - Route 66 USA dove in 13 giorni ha percorso la Route 66 partendo da Chicago e arrivando a Los Angeles in sella ad una MV Agusta Brutale. Ad accompagnarlo Fabio Alisei, Lorenzo Cocco (amministratore delegato di MV Agusta), Tony Palmieri, e un altro amico.

Nel 2008 vince il primo premio al Montecarlo Film Festival (Angel Awards) con la sua prima sceneggiatura intitolata "The Theory": il film parla di una teoria sull'esistenza umana sulla terra. Nel 2009 partecipa, come navigatore di Riccardo Bossi, al Monza Rally Show sulla vettura Abarth Grande Punto S2000. Ripeterà un'esperienza simile nel 2012, questa volta affiancando Andrea Liberini, al Rally di Franciacorta, su Peugeot 207 S2000.

Il 21 settembre 2011 è uscita la sua biografia, intitolata "Radiografia di un DJ che non piace", scritta con il cugino scrittore Davide Simon Mazzoli, edita da Rizzoli, e il 27 novembre 2012 è pubblicato, per Mondadori, "Non mollare mai! - Sfighe e rivincite dello Zoo di 105".

Il 21 settembre 2013 a Trieste viene premiato alle Cuffie d'Oro come personaggio "RadioSocial" (voto popolare tramite Facebook). Nella stessa serata lo Zoo di 105 riceve il premio "Battute&Risate" come miglior programma comico. Dal 23 dicembre 2013 conduce su Evolution 935, radio locale di Miami di sola musica dance, il programma "The Italian Brunch". Il 28 gennaio 2014 è stato pubblicato per Mondadori il suo terzo libro, primo romanzo, "The Theory - Il codice del destino", tratto dall'omonima sceneggiatura del 2008.

In maggio 2014 esce il suo primo singolo con il rapper statunitense Flo Rida, intitolato Light Up My Life. Il 19 settembre 2014 annuncia la chiusura dello Zoo di 105 dopo 15 anni. Il 26 settembre 2014 riapre lo zoo di 105 con una puntata speciale di quattro ore. Marco Mazzoli è ospite a Radio Deejay nel programma "Sabato Sega" di Wender e di Fabio Alisei il giorno dopo.

Il 26 ottobre 2014 pubblica il suo secondo singolo in collaborazione con Paolo Ortelli, dal titolo Remember It's You. Il 5 febbraio 2015 ottiene la cittadinanza americana. Dal 1º maggio 2015 diventa direttore della radio locale di Miami Evolution 935 (ora Revolution Radio Miami) conduce il programma "Welcome to the zoo".

Il 31 marzo 2016 esce il film On Air - Storia di un successo diretto da suo cugino David Simon Mazzoli, dove racconta la sua vita fino ad arrivare al successo.

Esperienze televisive[modifica | modifica wikitesto]

Tra le tante conduzioni e co-conduzioni sul piccolo schermo, Mazzoli ha realizzato la puntata zero de Lo Zoo in TV, mai andata in onda, condotta insieme a Fabio Alisei e Paolo Noise, con brevi apparizioni di Leone Di Lernia ed Elisabetta Canalis. Brevi spezzoni della puntata zero si possono vedere all'interno del DVD allegato a uno dei cinque numeri del mensile Zoo Magazine usciti tra il 2005 e il 2006 nelle edicole italiane.

Dal 2008, Lo Zoo di 105 va in onda anche in tv su Comedy Central, canale della piattaforma Sky Italia, esperimento che ha portato il programma per un breve periodo di tempo, nel 2009, anche su MTV.

Vicende giudiziarie[modifica | modifica wikitesto]

L'8 ottobre 2012 dedicò, insieme a Gilberto Penza, un'intera puntata dello Zoo di 105 a Rossella Brescia, affermando tra l'altro che la showgirl aveva "inventato un modo nuovo per arrivare in televisione senza fare la gavetta" (con riferimento alla relazione sentimentale che la legava al regista di Buona Domenica Roberto Cenci)[1]. Questa considerazione, unita ad alcune battute a sfondo sessuale, offese la conduttrice che querelò i due per diffamazione[1]. Il 13 gennaio 2016 Mazzoli e Penza vengono giudicati colpevoli e condannati a 16mila euro di multa (sanzione di tipo penale) e a 15mila di risarcimento alla persona offesa, che si era costiuita parte civile.[2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Rossella Brescia in lacrime in tribunale: «Mi hanno offeso»., Corriere della Sera, 19 maggio 2015.
  2. ^ Insultarono Rossella Brescia durante «Lo zoo di 105». Condannati per diffamazione, Corriere della Sera, 13 gennaio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN265451916
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie