Luigi Borsari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Luigi Borsari (... – ...) è stato un archeologo e topografo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vissuto tra il XIX secolo e il XX secolo, tra le scarse notizie pervenuteci sulla sua biografia, si apprende che è stato ispettore degli scavi presso il Ministero dell'istruzione. Nel 1896, a Terracina (LT), condusse importanti ricerche presso il Tempio di Giove Anxur. La sua attività editoriale fiorì tra il 1885 e il 1904 con varie pubblicazioni su Ostia, tra cui: Via Portuense, Porto, Scavi di Ostia, Ostia. Nuove iscrizioni latine, rinvenute nell'area dell'antica città, Ostia et il porto di Roma antica e Ostia - Nuove scoperte tra il teatro e la stazione dei Vigili.[1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Topografia di Roma antica, Milano, Hoepli 1897
  • Di un'epigrafe spettante alla arginatura delle ripe del Tevere, in Boll. Commissione Archeologica Comunale di Roma, 1889
  • The Roman Forum in the Light of Recent Discoveries, Rome 1904
    • Le forum romain selon les dernières fouilles, con Romolo Artioli, 1907
  • Il castello di Bracciano. (con Raffaele Ojetti) (ristampa 2014)
  • Delle scoperte avvenute tra il primo ed il quarto chilometro della via Ostiense, in Notizie degli scavi di antichità, 1898
  • Le mura e porte di Servio Tullio, 1888
  • Ostia et il porto di Roma antica, 1909
  • Iscrizioni stradali ed acquarie scoperte presso la Valeria e la Sublacense in Roviano
  • Del tempio di Giove Anxure scoperto sul Monte S. Angelo a Terracina
  • Scavi nell'area del Tempio di Diana Nemorense durante l'anno 1895
  • Scoperte di antichità nel Lazio
  • Osservazioni topografiche sulla regione IX Circus Flaminius

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN199333607 · GND: (DE1126977500