Rinascente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La Rinascente è un'azienda italiana di grandi magazzini di fascia alta operanti nel settore della vendita di prodotti di abbigliamento e per la casa. Attualmente dispone di un network di un concept store e 13 negozi presenti nelle principali città (2 a Milano, 2 a Roma, Napoli, Torino, Palermo, Genova, Firenze, Catania, Cagliari, Padova, Monza) e due filiali a marchio Jam (specializzate nell'abbigliamento per i giovani)a Milano, all'interno della filiale di Piazza Duomo e a Roma, presso la filiale di Roma Colonna.

La storia

Nel 1865 i fratelli Luigi e Ferdinando Bocconi aprono in via Santa Radegonda a Milano il primo negozio italiano in cui sono venduti abiti pre-confezionati. Viene qui seguito l'esempio di Le Bon Marché, il grande magazzino aperto a Parigi nel 1852 che aveva spopolato oltralpe.

L'iniziativa riscuote un enorme successo anche in Italia, tanto che un grande magazzino viene aperto nella vicina Piazza Duomo (1877), oltre ad altri negozi in tutta la nazione (inizi del XX secolo).

Nel 1917 Senatore Borletti rileva l'attività, puntando sull'eleganza dei grandi magazzini, impegnandosi da subito ad aumentare la qualità della merce venduta, pur senza alzare eccessivamente i prezzi. Lo scopo annunciato era un approccio "democratico" al mercato, ossia attirare sia clienti dalle classi alte che di quelle medio-basse. Per aumentare la fruibilità del grande magazzino di piazza Duomo, questo viene arricchito di numerose attività di uso comune, fra cui una banca e un ufficio postale. Gli effetti della crisi del 1929 sono pesanti anche in Italia, ma la catena riesce a non risentirne molto.
Gabriele D'Annunzio nel 1917 l'aveva battezzata La Rinascente e l'azienda divenne un luogo di ritrovo di molti artisti. Ad esempio la pubblicità veniva realizzata da Marcello Dudovich, mentre una linea di mobili fu firmata da Gio Ponti.

Negli anni 1950 la Rinascente cerca di cavalcare il miracolo italiano con iniziative innovative per la penisola italica. Viene ad esempio aperto un ufficio per le ricerche di mercato ed è avviata la vendita di frigoriferi, che arrivavano direttamente dagli USA. Nasce poi un'azienda per la produzione di abbigliamento femminile e sono organizzate mostre con abbigliamenti tipici di Paesi stranieri.

Nel 1969 la proprietà passa al gruppo Fiat, vivendo una crisi progressiva di profitti. Nel 2005 viene rilevata da una cordata di aziende: gli Investitori Associati, Pirelli Real Estate, Deutsche Bank e la famiglia Borletti. Questo gruppo sta operando un risanamento nelle attività dell'azienda, che attualmente sta vivendo un periodo di buona ripresa.

A fine 2005 La Rinascente contava 2000 dipendenti, 80% dei quali di sesso femminile, con un fatturato di 365,5 milioni di euro.

Negli ultimi tre anni, a seguito del riposizionamento dell'azienda nel mercato, sono state chiuse le filiali di Bari, Bergamo, Grugliasco (TO) e Lodi. Entro il 2009 il gruppo Rinascente chiuderà la filiale di Napoli; dubbi invece per Palermo e Roma (Via Del Corso)[1].

Note

  1. ^ Articolo su repubblica.it, su milano.repubblica.it. URL consultato il 7 giugno 2008.

Collegamenti esterni