L'Altra Russia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L'Altra Russia
Другая Россия
Drugaja Rossija
LeaderEduard Limonov, Garri Kimovič Kasparov
StatoRussia Russia
SedeMosca
Fondazione2006
Dissoluzione10 luglio 2010
IdeologiaSocialdemocrazia
Socioliberalismo
Nazionalismo liberale
Sito web

L'Altra Russia (in russo Другая Россия ) è stata una coalizione russa di opposizione che comprendeva una grande varietà di movimenti politici e civili, liberali, nazionalisti, socialisti e comunisti (anche se il Partito Comunista della Federazione Russa non ne ha mai fatto parte).

La coalizione comprendeva movimenti di estrema destra, di centro, di estrema sinistra e liberali (tra i quali l'ex campione di scacchi e leader del Fronte Civile Unito Garry Kasparov, il leader del Partito Nazional Bolscevico Eduard Limonov e l'Avanguardia della Gioventù Rossa[1][2]).

Dal 2010, dopo la dissoluzione della coalizione, L'Altra Russia è il nome del partito politico guidato da Limonov.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'Altra Russia è stata fondata durante il congresso costitutivo del luglio 2006, durante il G8 di Mosca. Alcuni diplomatici occidentali, tra i quali l'ambasciatore britannico in Russia Anthony Brenton e i Vice-Segretari di Stato americano Barry Lowenkron e Daniel Fried, hanno partecipato all'incontro. I due principali partiti liberali del paese, Jabloko e l'Unione delle Forze di Destra, hanno rifiutato di partecipare a un movimento da loro considerato nazionalista ed estremista[3].

Nell'estate del 2006 L'Altra Russia ha organizzato una "coalizione di armonia nazionale" per coordinare le diverse posizioni politiche dei partecipanti. La risoluzione finale è stata discussa nel congresso del 22 novembre 2006.

Il 16 dicembre dello stesso anno a Mosca si è svolta la prima manifestazione unita, soprannominata da Garry Kasparov "Marcia dei dissidenti". Il 3 marzo 2007 un'altra "Marcia dei dissidenti" ha avuto luogo a San Pietroburgo: è stata la più grande manifestazione di opposizione della storia russa recente. Il 14 aprile, durante un'altra manifestazione, Kasparov e l'ex primo ministro Michail Kasjanov sono stati arrestati e rilasciati poche ore dopo.

A seguito di divergenze politiche, molti dei movimenti costitutivi hanno abbandonato la coalizione. Michail Kas'janov, leader dell'Unione Democratica del Popolo Russo, ha annunciato il ritiro del suo partito dalla coalizione nel 2007 a causa della difficoltà di nominare un candidato unico alle elezioni[4]. Nello stesso anno il Partito Nazional Bolscevico è stato dichiarato illegale, e alcuni suoi membri hanno continuato la loro attività politica nella coalizione come semplici cittadini. L'anno seguente l'Unione delle Forze di Destra si è sciolta per confluire in Impegno di Destra. Eduard Limonov, fondatore dopo la dissoluzione di Altra Russia dell'omonimo partito politico, ha incolpato Garry Kasparov del collasso della coalizione.

Leader[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Thousands Take to City Streets for Protest di Galina Stolyarova, St. Petersburg Times, 6 marzo 2007.
  2. ^ Anti-Kremlin protesters beaten by police Associated Press, 3 marzo 2007.
  3. ^ The Other Russia Conference Opens In Moscow, Interfax, 11 luglio 2006.
  4. ^ Former Russian Premier Leaves Opposition Group[collegamento interrotto], Radio Free Europe/Radio Liberty, 3 luglio 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN138782439 · LCCN (ENno2009127588