Jai alai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La jai alai in lingua basca o cesta punta in lingua castigliana è una specialità sferistica di palla basca. L'espressione basca jai alai (coniata nel 1875 dallo scrittore basco Serafin Baroja) significa festa allegra, mentre cesta punta in castigliano significa cesta appuntita alludendo alla chistera utilizzata nel gioco. Questo sport è praticato in diverse nazioni e in Italia lo sferisterio più noto dove gareggiano i professionisti è a Milano.

Regolamento[modifica | modifica wikitesto]

Attrezzo chiamato chìstera
Campo all'aperto di Bidart

Le forme di gioco dei professionisti sono due: individuale e doppio. Il campo, in sferisterio al coperto o all'aperto, è costituito da uno spazio rettangolare, lungo tra 54 e 60 m., delimitato da un muro frontale che si estende lateralmente a sinistra e posteriormente ai giocatori. Questo sport è praticato con una specie di cesta in vimini o plastica a forma affusolata detta chistera, lunga circa 63–70 cm. e di peso massimo 6 etti, che nella sua cavità può contenere una palla di cuoio caprino del peso di circa 125-140 g. Gli atleti devono lanciare energicamente la palla verso il muro frontale affinché il rimbalzo sia incontrollabile dagli avversari: la palla raggiunse la velocità di 302 km/h durante una partita nel 1979. A causa delle alte velocità della palla, è obbligatorio indossare i caschi per tutti i giocatori: dai principianti ai professionisti. La partita è vinta da chi totalizza 35 punti. Nella variante chiamata remonte, che differisce poco dall'originaria, la partita è vinta da chi totalizza 40 punti.

I campioni[modifica | modifica wikitesto]

Tra i professionisti di sempre ricordiamo i seguenti campioni:

specialisti della variante remonte:

  • Koteto Ezkurra
  • Jesús Abrego Narvarte

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Palla basca

Sport Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport